Indietro
venerdì 3 aprile 2020
menu
Basket D

La Dany sfata anche il tabù International Imola e allunga a sei la striscia positiva

In foto: La Dany Basket Riccione 2019/2020
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 1 feb 2020 14:18
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

DANY DOLPHINS RICCIONE-INTERNATIONAL BASKET IMOLA 88-72

IL TABELLINO
DANY RICCIONE: Amadori Mi. 5, Sartini, Tardini, Bomba 11, Amadori Ma. 23, Zanotti 6, Gardini 5, Brattoli, De Martin 16, Mazzotti 20, Stefani 2. All. Ferro.

IMOLA: Zambrini 7, Poloni 13, Fussi 20, Poli 4, Totaro 7, Wilshire, Dal Fiume 8, Franzoni, Ravaglia 2, Ricci Lucchi 3, Canovi 4, Puntolini 4. All. Dalmonte.

ARBITRI: Onofri di Forlì e Romano di Bellaria.

Parziali: 20-24, 36-36, 57-58.

CRONACA E COMMENTO
È un 2020 di sole vittorie quello della Dany Riccione. I Dolphins di coach Maurizio Ferro ottengono infatti contro l’International Basket Imola il quarto successo in altrettante partite giocate nel nuovo anno e allungano la serie positiva a 6 match, considerando anche il pre-sosta natalizia. Le speranze playoff, dunque, continuano, sebbene la strada verso il prestigioso traguardo sia ancora molto lunga. In un colpo solo i biancazzurri abbattono anche il tabù Curti Imola, contro cui avevano perso all’andata e pure in entrambi i match della scorsa stagione. E nonostante la cattiva posizione di classifica, gli ospiti sembrano voler continuare l’incantesimo, costringendo la Dany a inseguire per tre quarti prima di uno straordinario ultimo parziale che consegna a Riccione una vittoria molto più sofferta di quanto non dica il punteggio finale (88-72).

Al pronti via l’attacco imolese sorprende i Dolphins (20-24 alla prima sirena) che nel secondo quarto registrano la difesa ma continuano a faticare contro l’aggressività dell’International (36-36 all’intervallo lungo). L’intensità del match non cala di un millimetro nemmeno al ritorno dagli spogliatoi e il braccio di ferro continua serrato anche alla terza sirena (ospiti avanti di una lunghezza). Ma è nel quarto conclusivo che si perfeziona il capolavoro di serata dei ragazzi di coach Ferro. Tutto parte dalla difesa che tra rimbalzi e palle recuperate anestetizza le mani imolesi procurandosi invece tante transizioni che accendono squadra e pubblico. L’ultimo parziale è un devastante 31-14 che cambia i connotati della partita e fa volare i Dolphins, autori di una pregevole prova d’orchestra (23/41 da due e 9/24 da tre) in cui svettano gli assoli di Alessio Mazzotti, Mvp della serata a quota 20 punti (4/8 dalla lunga) con i recuperi ancora in doppia cifra (10) e del solito Marco Amadori, top scorer a quota 23 con 7/11 dal campo e percorso netto dalla lunetta (8/8). Come sempre fondamentale l’apporto di capitan De Martin e di un Bomba rigenerato dal nuovo ruolo di play (anche 8 rimbalzi e 6 recuperi).

Il tour de force continua martedì (ore 20,50) con il recupero in casa dei Giardini Margherita Bologna, autentico scontro diretto ad alta quota.

Notizie correlate
di Andrea Turchini   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna