Indietro
venerdì 25 settembre 2020
menu
eventi a misura di famiglia

Colori, sapori e fiabe: che weekend con bimbiarimini

In foto: carnevale a Santarcangelo
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 6 minuti
ven 7 feb 2020 11:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 6 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Coriandoli, maschere, sfilata carri… Gli appuntamenti per il Carnevale partono questo fine settimana, ma ci sono in programma numerosi altri eventi per le famiglie. Ecco 5 appuntamenti nella rubrica settimanale in collaborazione con Barbara Farkas (www.bimbiarimini.it) da vivere insieme con i propri bambini

1.

Domenica 9 febbraio torna “Santarcangelo in festa nel Carnevale”, il corso mascherato che quest’anno giunge alla 18ª edizione. L’appuntamento è alle 14.30 in piazza Ganganelli, da dove partirà il corteo dei carri allegorici allestiti dalle varie associazioni cittadine e dalle parrocchie. Completano il programma in piazza Ganganelli dolci e crepes, cioccolata calda e vin brulé, bomboloni e fiocchetti. La madrina di questa edizione sarà l’ex Miss Italia Cristina Chiabotto.

Come ogni anno, all’evento è associata la lotteria del Carnevale (con biglietti acquistabili in negozi e locali di Santarcangelo): il primo premio sarà un viaggio per due persone.

2.

Nuovo appuntamento, sabato 8 febbraio alle ore 21, con la rassegna ‘Un Teatro per i Ragazzi’ proposta al Teatro di San Leo a Pietracuta. La compagnia Fondazione Aida presenta lo spettacolo “Pollicino non ha paura dell’orco“, una sorta di sequel della celeberrima fiaba di Perrault, che narra le avventure del piccolo protagonista della storia, ormai cresciuto, che torna a cercare il suo nemico di un tempo…

Pollicino è riuscito a sfuggire dalle grinfie dell’orco grazie alla sua astuzia. Pollicino e i ragazzi come lui, che conoscono tante storie, sanno come cavarsela con i tipi pericolosi quali lupi, streghe e orchi. L’orco no: nonostante di storie lui ne abbia abitate tante, ha sempre pensato solo e unicamente a riempirsi la pancia, e la pancia troppo piena può anche essere una soddisfazione momentanea, ma alla lunga annebbia il cervello. Dopo tanto tempo a Pollicino è venuta voglia di andare a vedere che ne è stato di quell’orco terribile che aveva cercato di fare di lui e dei suoi fratelli un solo boccone, ma che poi era stato astutamente gabbato. Una storia successa molto tempo prima, ai tempi di Perrault. Ora che il tempo è passato, Pollicino non ha più paura dell’orco, sa di essere molto più astuto del vecchio panciuto “omone-mangia-bambini”. Ma il tempo è trascorso anche per l’orco, diventato più vecchio e forse un po’ più saggio e comunque più debole e stanco da non fare più paura a nessuno. Si è dovuto pure ingegnare a fare un nuovo mestiere per guadagnarsi da vivere e per non ridursi a mangiare bacche selvatiche e qualche fungo, visto che i bambini non si perdono più nel bosco. Ma Pollicino, una volta ritrovato l’amico-nemico, per ridargli il buon umore gli racconta una storia: la storia di un piccolo bambino che assieme ai suoi fratelli viene abbandonato nel bosco e rischia di finire sotto i denti di un terribile orco, e quella storia è ambientata in quel Bosco Magico dove ancora ci sono orchi giovani e spaventosi, un po’ canterini e ballerini, che con lupi, streghe e mostri, terrorizzano i bambini come lui. Un Bosco Magico, appunto, pieno anche di amici e di gente simpatica e intelligente e soprattutto pieno di storie che sanno sempre insegnare… e che sanno dare il buon umore!

Biglietti: 6 euro (prezzo unico ragazzi e adulti). Info: 0541 926967 (numero verde 800 553 800), info@sanleo2000.it .

3.

Domenica 9 febbraio, allo Spazio Tondelli di Riccione, continuano i classici dell’opera lirica di Puccini in versione per bambini e adulti. Protagonista è Kinkaleri, collettivo di ricerca teatrale tra i più apprezzati in Italia, che per tre domeniche di fila propone la sua originale interpretazione dei classici di Giacomo Puccini. Dopo il recente successo ottenuto dalla versione della Turandot, domenica 9 febbraio, alle 16.30, va in scena “I love you Tosca”, opera in tre atti liberamente ispirata alla Tosca.

Come spesso accade nell’opera pucciniana, ancora una volta siamo di fronte a una storia di amore e potere, ora ambientata nella Roma del 1800, sconvolta dalla caduta della prima Repubblica romana. L’opera forse più drammatica di Puccini tiene in costante tensione lo spettatore. Tutto ruota attorno a Floria Tosca, personaggio fascinoso che incarna l’energia del recitar cantando. Il suo travagliato amore viene cantato e messo in scena dalla soprano Yanmei Yang e da Marco Mazzoni, performer che in un vortice di colpi di scena accoglie tutti gli altri personaggi, dal pittore Cavaradossi al sadico barone Scarpia. Arie memorabili come ‘E lucevan le stelle’ fanno da colonna sonora a un’opera sorprendente: intrighi di potere che nel gioco del teatro conquistano ogni età.

Ingresso: 6 euro, gratuito sotto i 4 anni.

4.

Tutto pronto per la Fiera di Sant’Apollonia, atteso appuntamento con cui Bellaria Igea Marina festeggia lungo le vie del centro la sua Patrona: tra eventi, mercati, gastronomia, cultura e spettacoli.

Il programma di sabato 8 febbraio prevede in piazzetta Fellini l’esibizione degli allevi di hip hop e hells della scuola “Tilt danza e teatro”; musica protagonista anche con l’esibizione dei bambini e dei ragazzi che seguono i corsi di canto e strumento alla Scuola comunale di musica “Glenn Gould”. Alle 17, al Teatro Astra, appuntamento con il dialetto romagnolo, grazie allo spettacolo “la S-ciuptèda”, componimento in versi che narra uno degli omicidi impuniti più noti della letteratura italiana: quello di Ruggero Pascoli. Cinque monologhi frutto della penna di Gianfranco Miro Gori, a cavallo fra ricostruzione storica, racconto orale e invenzione narrativa, interpretati da Lorenzo Scarponi. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

Domenica 9 febbraio, nel giorno della Patrona, è di nuovo festa. Sempre in piazzetta Fellini, a partire dalle ore 15, l’esibizione di danza degli allievi della scuola “New Street Hip Hop School”. Al termine, la premiazione del 16° concorso “Mare Nostrum – un mare d’amare” organizzato dal Circolo Diportisti; a seguire, esibizioni di flamenco e tip tap, realizzate dalle scuole Viento del Sur e Tilt. Poi ancora alle ore 17 musica dal vivo dal sapore country, sonorità rock, folk, jazz ma anche caraibiche con “Vizi Capitali”, al secolo Paolo Faetanini affiancato dal sassofonista Luca Quadrelli.

Sia sabato che domenica, in piazza Matteotti la musica e l’allegria di Dj Bicio, a cura di Moto Time Vespa Club. Non mancheranno, lungo tutte le vie del centro, stand e specialità della migliore gastronomia romagnola e italiana, senza dimenticare, in piazza del Popolo, il tradizionale Luna Park, aperto fino a metà mese.

Una grande sorpresa attende i visitatori della Fiera, nelle giornate di sabato 8 e domenica 9. Dopo la presentazione al Lingotto di Torino, un nuovo simulatore della Squadra Corse Lamborghini fa infatti il suo ”esordio” proprio a Bellaria Igea Marina. Chi vorrà provare il brivido della velocità, potrà farlo sia la mattina che il pomeriggio: sarà anche protagonista di una buona azione, visto che i proventi verranno devoluti in beneficenza.

5.

 

Sabato 8 febbraio, alle ore 17, al Teatro Comunale di Gambettola prosegue la rassegna ‘Famiglie a teatro’, con lo spettacolo “I tre porcellini”, messo in scena dalla Compagnia Teatro delle Marionette degli Accettella, una delle più accreditate nel panorama del Teatro di figura.

Rivisitazione originale di una fiaba senza tempo, un classico della tradizione inglese la cui prima versione risale alla metà dell’800. È proprio a questa prima stesura della fiaba che si rifà lo spettacolo, per rappresentare sulla scena con attori e pupazzi la vicenda di tre fratellini che si trovano ad avere a che fare con il loro più feroce nemico: il lupo. Per difendersi dai suoi attacchi, il porcellino più piccolo costruisce una cassetta con la paglia e il mediano con la legna: entrambi ergono i loro rifugi in fretta, in modo da avere più tempo possibile per giocare. Il fratellino più grande invece con fare saggio costruisce una solida casa di mattoni e alla fine… C’è un grande insegnamento in questa fiaba: solo con la fatica, la perseveranza e la costanza si creerà qualcosa di solido e duraturo per il futuro in grado di permettere di affrontare il mondo esterno e le sue minacce.

Le fiabe sono fatte per essere raccontate ai bambini, e diversi sono i modi per poterle raccontare, in tante maniere si possono incantare i bambini; per la fiaba forse il più comune è quello della narrazione (anche i genitori leggendo le fiabe ai figli diventano narratori, cercando di raccontare i fatti creando un’atmosfera che catturi l’attenzione di chi l’ascolta, interpretando i personaggi differenziando le voci …), ma Danilo Conti ha scelto di proporla attraverso un linguaggio in cui l’attore in scena agisce e interagisce con tanti elementi, manipolandoli e giocando con essi.

Ingresso: intero Adulti € 7,00, Ridotto bimbi € 5,00; Biglietto Famiglia (2 adulti +2 bambini) € 20 Gratuito sotto i 3 anni.

Info: 392 6664211- mail-teatrocomunaledigambettola@gmail.com .

Per scoprire le altre iniziative dedicate ai bambini a Rimini e dintorni visita il sito bimbiarimini.it

Altre notizie
Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO