Indietro
menu
verso il voto

Petitti (PD): campagna elettorale da cento incontri

In foto: Emma Petitti
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 22 gen 2020 14:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stata una campagna lunga e durissima. Ma davvero bella ed entusiasmante“. La candidata del Partito Democratico Emma Petitti fa un bilancio della campagna elettorale per le regionali. Ricorda di avere partecipato negli ultimi due mesi a 40 iniziative pubbliche, a 60 incontri con associazioni, aziende e gruppi di cittadini e a numerosi mercati in ogni Comune della provincia. “ho incontrato donne, uomini, imprenditori, istituzioni; ho ascoltato, spiegato, ricevuto complimenti e critiche.  Penso che la cosa più importante sia stata la possibilità di presentare i fatti e le nostre proposte concrete per il futuro delle persone, famiglie e imprese che vivono e animano l’Emilia-Romagna”. 

Si è svolta tutta lungo un sottile crinale: “Stefano Bonaccini, il PD, la coalizione che poteva andare nelle piazze, nelle fabbriche, nelle scuole presentando i risultati di 5 anni di governo che fa del’Emilia Romagna l’area con gli indicatori economici, sanitari, sociali, culturali più elevati nel Paese, e su questi configurare una visione del presente e del domani di crescita e di sviluppo senza lasciare indietro nessuno.  Il centrodestra invece, deliberatamente in assenza di candidato, ha svolto un solo copione: panzane e attacchi strumentali. Quanto accaduto negli ultimi giorni anche in provincia di Rimini, bugie e volgarità sparse a piene mani anche da chi ha ruoli istituzionali super partes, ne è perfetto esempio. Da una parte dunque chi vuole garantire e aumentare la crescita, il lavoro, il benessere, il welfare, i diritti; dall’altra il nulla vestito di rancore.

In ognuna delle tante persone che ho incontrato anche per pochi istanti ho captato un grande orgoglio, la consapevolezza che qui si vive meglio che altrove, la voglia di andare avanti per chi verrà dopo di noi, rimboccandosi le maniche e non facendo mai venire meno la solidarietà e l’altruismo. Pur in una fase molto complessa per l’Italia, per l’Europa, per il mondo, in Emilia-Romagna è ancora fortissima questa consapevolezza: la consapevolezza di chi vuole poche chiacchiere e non si lascia ingannare dalle bugie e dalla rabbia sparse a piene mani, di chi vuole capire e votare sulla base di ciò che gli viene proposto per la sua città, per il suo lavoro, per la sua scuola. Qui e solo qui, in Emilia Romagna.  Concludo. Questo non vuole essere un appello al voto. Questo è un bilancio di una campagna elettorale dura ma nello stesso tempo incoraggiante. Ho messo in evidenza i risultati e le ragioni per le quali occorre continuità di governo in questa Regione. Le ragioni in cui io mi sono riconosciuta, mi riconosco e mi riconoscerò sempre: l’uguaglianza, i territori, la partecipazione, il coraggio di scelte che maturano grazie al coinvolgimento di tutti.

Notizie correlate
di Redazione