Indietro
mercoledì 1 aprile 2020
menu
Blog/Commenti Provincia

Gesto interrotto

di Andrea Turchini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 12 gen 2020 22:00 ~ ultimo agg. 16 gen 22:40
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Gesto interrotto“: fino a venerdì scorso non avevo mai sentito questa espressione che, invece, ho imparato essere comune in ambito pedagogico. Mentre ascoltavo Letizia, venuta a parlare alla nostra comunità capi di autoeducazione per i bambini di fascia 8-11 anni (lupetti e coccinelle), ad un certo punto è emerso nella sua esposizione questo concetto che, subito mi ha affascinato, introducendomi in una modalità relazionale che mi interpella. Nel (poco) tempo libero di questi giorni, ho navigato per capirne di più.

Per gli altri due viventi in Italia, che, come me, non sanno di cosa si tratti, riporto questa definizione: «Il prof. Andrea Canevaro parla di gesto interrotto per connotare il rapporto che, partendo dalla dipendenza, lascia spazio all’autonomia. “Il nostro gesto interrotto implica l’attesa di un completamento originale da parte dell’altro, implica una scelta.. che può essere assai diversa da quella che avevamo in mente…è l’accettazione dei limiti della propria azione. E’ il contrario del “fare al posto dell’altro per piccolo che sia”»

(http://www.istruzioneinfanzia.ra.it/content/download/128988/1565385/file/progetto ).

Proprio come nell’immagine che apre questa riflessione: una mano aperta che si lascia afferrare lasciando al piccolo la libertà di decidere come afferrare quella mano grande.

Pensando, mi è ritornato alla mente uno dei tanti “gesti interrotti” che sono raccontati nel Vangelo, quello che narra l’incontro e la guarigione di Bartimeo, il cieco di Gerico:

E giunsero a Gerico. Mentre partiva da Gerico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timeo, Bartimeo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: “Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!”. Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: “Figlio di Davide, abbi pietà di me!”. Gesù si fermò e disse: “Chiamatelo!“. Chiamarono il cieco, dicendogli: “Coraggio! Àlzati, ti chiama!”. Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù. Allora Gesù gli disse: “Che cosa vuoi che io faccia per te?”. E il cieco gli rispose: “Rabbunì, che io veda di nuovo!”. E Gesù gli disse: “Va’, la tua fede ti ha salvato”. E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada” (Mc 10,46-52).

Mi ha sempre colpito che Gesù non vada da Bartiméo, nonostante questo sia cieco, ma lo chiama perché sia lui ad andare da Gesù, balzando in piedi, lasciando il suo mantello (atto di totale fiducia in Gesù) e venendo incontro al Signore. E’ straordinario lo spazio di libertà e di creatività che Gesù lascia a Bartiméo, consentendogli di esprimere in modo ancora più concreto la sua fede e la gioia di quella chiamata.

Dal blog Tecnodon

Altre notizie
di Andrea Turchini
di Andrea Turchini
Riflessioni su queste giornate

Desiderio di normalità

di Andrea Turchini
Notizie correlate
di Redazione   
di Maurizio Ceccarini   
VIDEO
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna