Indietro
menu
Il commento del senatore riminese

Croatti. Il 5 Stelle sa imparare dalle sconfitte, avanti coi nostri temi

In foto: il candidato Benini e Croatti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 28 gen 2020 10:55 ~ ultimo agg. 11:01
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il senatore riminese del Movimento 5 Stelle Marco Croatti affida a un post su Facebook le riflessioni dopo il voto delle regionali che hanno dimezzato la presenza pentastellata nell’assemblea legislativa.

“I risultati di queste elezioni regionali ci devono consegnare insegnamenti preziosi di cui fare tesoro e su cui lavorare per migliorare, rispondendo alle sollecitazioni che da mesi, in modo inequivocabile, ci arrivano. Per rispondere alle difficoltà che hanno impantanato le nostre energie e frenato la nostra spinta.

Il MoVimento 5 Stelle è una forza politica giovane che può commettere errori, ma che impara dalle proprie sconfitte e non se le fa scivolare addosso, ma le usa per diventare più forte.
Ripartendo sì dalle sue origini, ma guardando anche al futuro. Ripartendo dai territori, dai suoi straordinari attivisti. Migliorando la formazione interna e la sua capacità di comunicare. Rafforzando il sostegno e il supporto ai nostri eletti sul territorio, che in prima linea combattono ogni giorno tra mille difficoltà.

In questo senso guardo con fiducia ai prossimi Stati Generali, appuntamento di confronto che avrà il compito di disegnare un MoVimento 5 Stelle in grado di affrontare le sfide del nostro Paese.
Ripartiamo anche dalle nostre due rappresentanti elette del MoVimento 5 Stelle che per i prossimi 5 anni siederanno nel Consiglio regionale dell’Emilia-Romagna e che avranno il compito di portare sui tavoli di lavoro i temi qualificanti della nostra azione politica per il territorio. Dalla sostenibilità alla riduzione dei costi della politica, dalla lotta all’azzardo alla difesa del nostro tessuto commerciale, dallo stop al cemento ad un welfare più vicino ai bisogni dei cittadini”.