Indietro
menu
Ascoltato il nipote in caserma

Omicidio a Riccione. Cadavere di anziana trovato in casa

In foto: i militari dell'arma davanti alla villetta di via Chieti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 7 gen 2020 13:56 ~ ultimo agg. 8 gen 10:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 3.523
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una donna di 88 anni, Rosa Santucci, è morta questa mattina nella sua abitazione di Riccione. A chiamare le forze dell’ordine sarebbe stato il nipote intorno alle 11.15. La vittima viveva con lui in una villetta su due piani in via Chieti 12 nella zona della collina: si tratterebbe di un omicidio a seguito di una aggressione.  Secondo le prime indiscrezioni l’anziana presenterebbe una vistosa ferita da corpo contundente sopra l’occhio destro. Il nipote della donna, di 42 anni, è stato portato in Caserma per essere ascoltato dai Carabinieri.

La casa risulta in ordine e non sono presenti segni di effrazione. Per gli accertamenti e i rilievi sono intervenuti i Carabinieri della compagnia di Riccione. Sul posto anche il medico legale, la squadra rilievi e gli addetti delle onoranze funebri. Intorno alle 14.45  è arrivato sul posto il magistrato di turno, il sostituto procuratore Luca Bertuzzi. Il corpo è stato portato via dall’abitazione intorno alle 15, quando anche il magistrato e il comandante dei Carabinieri di Riccione hanno lasciato l’abitazione.

 

A nome dell’Amministrazione Comunale, l’intervento del sindaco Renata Tosi: “In questo momento di profonda tristezza, il mio primo pensiero è stato per la famiglia che ha persona una persona tanto cara in circostanze così tragiche. Porgo le mie condoglianze e quelle dell’amministrazione comunale di Riccione a chi in queste ore sta affrontando la perdita di una persona cara sapendo che solo il tempo potrà dare risposte e sollievo. Sono convinta che tutta la comunità cittadina, tutti i riccionesi, si stringeranno intorno a questa famiglia, reagendo al meglio, col miglior spirito di comunanza, di solidarietà e pietas cristiana che noi tutti sappiamo dimostrare nei momenti importanti. Un ringraziamento va all’Arma dei Carabinieri”.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione