Indietro
menu
35 scomparse dal fondo

Opere Gruau scomparse. Piscaglia: indagini approfondite ma nessun esito

In foto: Giampiero Piscaglia
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 13 dic 2019 14:55 ~ ultimo agg. 18:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un’interrogazione del consigliere della Lega Marzio Pecci ha permesso all’assessore Giampiero Piscaglia di fare il punto sulle opere scomparse di Renè Gruau. Fatti che risalgono al periodo tra il 1993 e il 2002.
Ad inizio anni ‘90 inizia infatti a formarsi il “fondo Gruau” grazie alla donazione di una azienda privata. Patrimonio che si arricchisce notevolmente poi nel 2002 quando è lo stesso artista, in occasione di una grande mostra, a donare molte opere al comune di Rimini. Si tratta di opere originali come disegni e dipinti, manifesti, litografie, stampe, riviste e anche alcuni capi d’abbigliamento. “E’ bene precisare che le 35 opere scomparse non sono originali ma copie – spiega Piscaglia – anche se questo nulla toglie alla gravità dei fatti.
L’assessore ricorda poi quanto fatto dal comune per venire a capo della situazione. “Nel 2013 – ricorda – l’assessore Pulini, appurata la mancanza in occasione del passaggio della collezione dagli uffici comunali al museo, ha incaricato la professoressa Tosi Brandi di fare un inventario.” Quello che emerge è che ci sono 428 opere di Gruau e ne mancano appunto 35. Ce ne sono però anche 51 non catalogate.A testimonianza dell’approssimazione che c’era stata nella custodia e nell’inventariazione” aggiunge Piscaglia. L’anno seguente (maggio 2014), avuta la relazione della professoressa, il sindaco incarica il dirigente Mazzotti di compiere una indagine conoscitiva approfondita sulle opere scomparse. Non si viene a capo però della vicenda e dei responsabili. Così il 30 luglio 2014 il sindaco segnala a Corte dei Conti e Procura la perdita delle 35 opere. Vicenda spiegata agli allora consiglieri anche in due commissioni consigliari. Delle indagini si occupano i carabinieri. “Non ci risulta che al momento siano emerse novità nelle indagini – conclude l’assessore – ma ancora non sono state archiviate e ne attendiamo quindi gli esiti. Quel che posso dire è che la questione è stata affrontata dal comune e non nascosta sotto il tappeto.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia Santarcangelo

Gli scoppia la bombola del gas, anziano ustionato

di Maurizio Ceccarini   
VIDEO
di Redazione