domenica 19 gennaio 2020
menu
Calcio C girone B

Piacenza-Imolese 0-0

di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 24 nov 2019 23:35 ~ ultimo agg. 23:50
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Print Friendly, PDF & Email

Piacenza-Imolese 0-0

IL TABELLINO
PIACENZA (3-5-2): Del Favero; Milesi, Pergreffi, Della Latta; Zappella (27’ st Sylla), Corradi, Nicco (27’ st Bolis), Marotta, Imperiale (16’ st Nannini); Sestu, Paponi. A disp.: Bertozzi, Ansaldi, El Kaouakibi, Giandonato, Borri, Cacia, Sylla, Cattaneo, Bolis, Forte, Nannini. All. Arnaldo Franzini.

IMOLESE (3-4-1-2): Rossi; Boccardi, Carini, Della Giovanna; Schiavi, Marcucci, Tentoni (35’ st Alimi), Valeau; Belcastro (17’ st Latte Lath); Padovan (35’ st Provenzano), Ngissah (26’ st Vuthaj). A disp.: Libertazzi, Seri, Aboni, Checchi, Alimi, Latte Lath, Vuthaj, Provenzano, Bolzoni, Artioli, Ingrosso, All. Gianluca Atzori.

Arbitro: Fontani di Siena.
Assistenti: Abruzzese e Pappagallo.

Ammoniti: Ngissah (I), Tentoni (I), Imperiale (P), Belcastro (I), Della Giovanna (I), Boccardi (I), Marotta (P).

NOTE: Spettatori 2792, di cui 11 ospiti e 2315 abbonati. Angoli: 6 a 2 per il Piacenza. Recupero: 1’ pt, 4’ st.

CRONACA E COMMENTO
Freddo, pioggia e sofferenza. Sono gli ingredienti principali della sfida andata in scena al Leonardo Garilli di Piacenza. I biancorossi, dopo due vittorie consecutive, vengono fermati da una solida Imolese, al quinto risultato utile consecutivo, grazie alla saracinesca Rossi. Agganciato il Rimini a quota 12 punti, i ragazzi di Mister Atzori rientreranno ora tra le mura amiche del Romeo Galli per affrontare, domenica 1° dicembre alle 17:30, la Sambenedettese vincente in casa contro il Feralpisalò.

REPORT
Primo tempo equilibrato e dalle poche emozioni anche a causa di un terreno piuttosto pesante per la pioggia. La prima occasione arriva al minuto 19 quando Schiavi, dopo una pericolosa discesa sulla destra, rientra e tira. Al centro dell’area Padovan, contrastato da un difensore biancorosso, riesce a deviare creando non pochi problemi a Del Favero. Il numero 22 piacentino si aiuta con il palo e blocca. Il Piacenza cresce e, dopo un debole tiro di Zappella dalla distanza, protesta in modo vibrante per un tocco di mano rossoblù in seguito alla penetrazione di Paponi: per il direttore di gara non c’è nulla. I Lupi prendono coraggio senza però rendersi mai pericolosi dalle parti di Rossi nonostante un’ottima azione – al minuto 36 – sull’asse Sestu-Paponi terminata tra le braccia sicure del portiere rossoblù.

Seconda frazione di sofferenza per i ragazzi di Mister Atzori che, rispetto a quanto accaduto nei primi 45 minuti, subiscono maggiormente la manovra biancorossa. Al minuto 5, Rossi è miracoloso: Paponi inventa per Nicco che si fa ipnotizzare dall’estremo difensore romagnolo. I Lupi continuano a spingere grazie anche a un’Imolese decisamente più bassa e sfiorano il vantaggio con Sestu che non è lucido al momento del passaggio finale. Il Piacenza si riversa nella metà campo avversaria ma non riesce mai ad essere concreto e preciso negli ultimi 16 metri. L’ultima emozione della gara arriva al 36’ quando, in seguito a una punizione battuta dal neoentrato Bolis, si accende una mischia in area fermata da Rossi che blocca a terra. Solamente ad azione terminata, il direttore di gara fischia il fuorigioco. Dopo 4 minuti di recupero, la sfida del Garilli termina così com’era iniziata: zero a zero e sotto la pioggia.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI
Mister Atzori: “Risultato meritato nonostante un po’ di fatica nel finale. Non ricordo occasioni del Piacenza nel primo tempo ma rimane un punto strameritato. Siamo venuti qui facendo la nostra partita e cercando di imporre il nostro gioco: a volte ci siamo riusciti, altre volte no. Abbiamo giocato tutta la partita con le 3 punte, non facendo le barricate. Questa settimana avremmo voluto dedicare una vittoria al nostro magazziniere, Jeff, che è venuto a mancare ma affrontavamo una grossa squadra. Fatica davanti? Non sono d’accordo perché, secondo me, i difensori del Piacenza hanno sudato sette camicie. È vero, però, che i nostri attaccanti si sono sacrificati molto, siamo stati squadra oggi. Una squadra che deve salvarsi deve fare questo sacrificio”.

Valerio Matteo Celotti
Ufficio Stampa Imolese Calcio 1919

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna