Indietro
menu
battaglia legale

Caccia lungo il Marecchia vietata. Il Tar dà ragione al Comune

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 28 nov 2019 13:02 ~ ultimo agg. 13:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Interessi in gioco, è prevalente quello pubblico”, con queste parole il Tar di Bologna dà ragione ai Comuni di Rimini, Santarcangelo e Verucchio che si erano opposti al ricorso dell’associazione Ambito Territoriale di Caccia contro le limitazioni all’attività venatoria lungo il fiume Marecchia, con istanza di sospensione dell’ordinanza comunale. L’associazione Ambito Teritoriale di Caccia Rn1 è stata inoltre condannata al pagamento delle spese legali del Comune di Rimini, calcolate dal Tribunale in 3.000 euro.

Come si ricorderà il Comune di Rimini aveva deciso nello scorso settembre di disporre il divieto dell’esercizio dell’attività venatoria lungo il “Percorso Storico Naturalistico” che si snoda a destra e sinistra del fiume Marecchia, per il tratto che interessa il territorio comunale, a seguito dell’invito della Prefettura di Rimini che – sulla base del rapporto del Comando provinciale carabinieri di Rimini – segnalava una criticità di pubblica incolumità e pubblica sicurezza connessa all’attività venatoria lungo le piste ciclabili sulle principali aste fluviali della provincia. Per questo motivo era stato chiesto ai comuni di valutare ogni misura utile per mettere in sicurezza le aree dei territori di competenza interessate da percorsi lungo i fiumi.

“Un giudizio – commenta l’amministrazione comunale di Riminiche conferma la bontà dell’ordinanza, con cui si pongono le basi per far convivere il turismo naturalistico e l’attività venatoria. Un’ordinanza che non pregiudica l’esercizio della caccia e crea le condizioni per una maggiore sicurezza degli utenti del percorso ciclo pedonali e dei cittadini della vicina area urbana,accrescendo la fruibilità dei percorsi naturalistici”.