Indietro
menu
attimi concitati a riccione

Avvisa i carabinieri, poi tenta il suicidio soffocandosi

In foto: repertorio
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 13 nov 2019 12:26 ~ ultimo agg. 21:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 1.190
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“C’è una persona senza vita dentro una macchina”. E’ questo il contenuto della telefonata ricevuto ieri notte alla centrale operativa dei carabinieri di Riccione. I militari, dopo aver individuato la zona dalla quale proveniva la telefonata, si sono precipitati sul posto e hanno notato un uomo, un 36enne della Valconca, all’interno di un’auto in sosta privo di sensi, con un sacchetto di plastica stretto in testa in modo da non far passare l’aria.

Constatata la gravità della situazione, i carabinieri del Radiomobile l’hanno estratto dall’auto e lo hanno liberato dal sacchetto. Poi gli hanno praticato il massaggio cardiaco in attesa dell’arrivo dei sanitari del 118. Una volta rianimato, il 36enne è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Infermi di Rimini. Fortunatamente non è in pericolo di vita. I carabinieri hanno scoperto in un secondo momento che a dare l’allarme alla centrale operativa era stato proprio lui, il 36enne. Che, dopo essersi ripreso, avrebbe confidato ai militari di attraversare un periodo personale complicato.

 

Notizie correlate
di Redazione