Indietro
menu
la fila attraversa la piazza

Per Recalcati al Galli folla delle grandi occasioni

In foto: la fila
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 24 ott 2019 11:21 ~ ultimo agg. 15:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Folla delle grandi occasioni ieri sera per Massimo Recalcati, psicanalista e scrittore tra i più noti in Italia, nella sua dissertazione su “Nomi dell’amore. È ancora possibile parlare d’amore?”.

L’evento è stato offerto dal Gruppo SGR in occasione dei suoi 60 anni in collaborazione con la Biblioteca Gambalunga che già dalla messa a disposizione dei biglietti aveva in un batter d’occhio esaurito tutti i posti disponibili del Teatro Galli, registrando così tante adesioni da spingere all’organizzazione di una diretta streaming nel Teatro degli Atti di via Cairoli, anch’essa sold out in breve .

Già a due ore dall’inizio dell’incontro erano numerosi erano i fan in attesa davanti all’ingresso del Teatro Galli, in una fila ordinata che man mano si allungava fino a raggiungere verso le 20.30 la statua di Papa Paolo V in piazza Cavour.

Dopo un’ora fitta di suggestioni e gli applausi finali, la serata si è protratta nella Sala delle Colonne per gli autografi e le dediche.

In apertura il saluto di Demis Diotallevi, Consigliere Delegato del Gruppo SGR: “60 anni fa erogammo il primo metro cubo di gas, celebriamo la ricorrenza offrendo alla città un evento di alto profilo e grande attualità. SGR per la Cultura è protagonista di una intensa attività nelle scuole e a favore dei cittadini, insieme agli altri contenitori a favore di scuola e sport il Gruppo SGR svolge con responsabilità il suo ruolo di azienda del territorio”.

“Non è trascorso ancora un anno dall’inaugurazione del Teatro – ha detto il Sindaco di Rimini, Andrea Gnassi – e su questo palco si sono succeduti eventi straordinari, con personaggi di talento, ma anche feste popolari e tutto quanto tiene insieme le persone per davvero, non con un algoritmo. Il teatro è una piazza utile a dotarsi di chiavi per riflettere e quindi grazie al Gruppo SGR e alla Biblioteca Gambalunga per la serata”.

 

Notizie correlate
di Redazione