Indietro
menu
Interrogazione al Ministro

Anche l'on. Raffaelli difende i dehors contro giro di vite

In foto: Elena Raffaelli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 25 ott 2019 15:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Giro di vite sui dehors? No grazie”. Ne è convinta l’onorevole leghista Elena Raffaelli che ha presentato un’interrogazione al ministro dei Beni culturali Dario Franceschini per capire se sia al corrente della situazione che stanno vivendo i pubblici esercizi a Rimini dopo la decisione della Soprintendenza di limitare nel tempo la presenza di dehors in centro storico e nei borghi, consentendola solo otto mesi all’anno e con strutture meno impattanti.
Un diktat – precisa Raffaelli – che mette a rischio la sopravvivenza di numerose imprese, impoverisce l’offerta turistica di una città che fa dell’accoglienza il proprio fiore all’occhiello e mina la credibilità delle Istituzioni che hanno previsto gli attuali regolamenti e concesso i relativi permessi. Il dato più grave è che si stanno cambiando le carte in tavola dopo che le imprese hanno investito e programmato il futuro della propria attività sulla base di accordi scritti, al Tavolo con gli enti locali, le associazioni di categoria e con la Soprintendenza stessa, che permettevano l’installazione dei dehors annuali. Non mettiamo in discussione la necessità di salvaguardare il decoro della città e delle sue emergenze architettoniche e culturali, anzi siamo i primi a pretendere che siano rispettati perché sono la parte preminente della nostra offerta turistica, che tuttavia non può essere disgiunta dai servizi di eccellenza di bar e ristoranti. C’è poi il protocollo ‘Safe and Security’ del ministero dell’Interno che evidenzia come queste strutture fungano da presidio per i giovani e siano un baluardo contro il degrado. Per tutto questo sollecitiamo un intervento del ministro che possa risolvere una situazione kafkiana, che può produrre gravi danni alla città, alla sua economia e alla sua vocazione turistica”.

Notizie correlate
di Redazione