domenica 13 ottobre 2019
menu
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto Visualizzazioni 2.437 visite
sab 12 ott 2019 16:55 ~ ultimo agg. 13 ott 14:59
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto Visualizzazioni 2.437
Print Friendly, PDF & Email

Ad agosto, sorpreso dall’assistente capo della penitenziaria di Rimini, Mauro Vagnini, mentre rubava 250 euro ad un’anziana sul bus della linea 4, era stato arrestato, processato e condannato a 6 mesi di reclusione da scontare ai domiciliari. Invece, in barba alle prescrizioni del giudice, era a passeggio nel centro di Rimini, in compagnia di un’amica. Un 63enne tunisino è stato fermato e consegnato alla polizia dall’incubo dei borseggiatori, Vagnini appunto. Che questa mattina ha riconosciuto il nordafricano in via Garibaldi.

Dopo essersi accorto della presenza dell’agente della penitenziaria, il tunisino si è separato dall’amica e ha cercato di nascondersi in un negozio. Ma una volta uscito, Vagnini era lì ad attenderlo. Così, l’ha bloccato in attesa dell’arrivo della polizia. “Lasciami andare, dai…”, sarebbero state le poche parole pronunciate dal 63enne, che ha abbozzato anche un tentativo di fuga. L’assistente capo, però, non si è fatto impietosire e l’ha consegnato ai colleghi della questura.

Questa è la quarta volta negli ultimi tre anni che Vagnini arresta il nordafricano, rispedito nuovamente ai domiciliari in attesa dell’ennesimo processo. Per l’agente della penitenziaria si tratta del 153esimo arresto.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna