giovedì 24 ottobre 2019
menu
arrestato un 37enne

Il panettiere della 'Ndrangheta scovato a Morciano

In foto: Uno dei 28 arresti eseguiti dalla Dds
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto Visualizzazioni 2.311 visite
sab 14 set 2019 18:54 ~ ultimo agg. 15 set 12:33
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto Visualizzazioni 2.311
Print Friendly, PDF & Email

Lavorava come panettiere a Morciano, ma in realtà era un affiliato alla cosca dell’ndrangheta Cerra-Torcasio-Gualtieri di Lamezia Terme. Antonio Grande, 37 anni, calabrese, è stato arrestato dai carabinieri e dalla Dda di Catanzaro in Valconca. Per gli investigatori è strettamente legato al numero uno della cosca, Ottorino Ranieri. Dopo l’arresto del boss, sarebbe stato proprio Grande ad occuparsi degli affari illeciti, che consistevano prevalentemente nell’estorcere denaro ai commercianti di Lamezia Terme e nel traffico di droga. Contestati i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso e spaccio di sostanze stupefacenti. Insieme a lui arrestate altre 27 persone, molte delle quali in Calabria.

Alcuni mesi fa, Grande aveva preferito lasciare la sua terra, forse nel tentativo di far perdere per un po’ le sue tracce. Ma gli investigatori lo hanno rintracciato a Morciano, dov’era diventato fornaio. Adesso si tratterà di capire se la presenza dell’indagato in Romagna fosse episodica o meno.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Simona Mulazzani   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna