Indietro
menu
scontro con il comune di coriano

Rovereta annuncia battaglia: "Ricorreremo al Consiglio di Stato"

In foto: lavoratori di Rovereta protestano davanti al comune di Coriano
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 1 ago 2019 15:49 ~ ultimo agg. 15:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La battaglia legale tra Petroltecnica-Rovereta e il Comune di Coriano è solo all’inizio. Dopo che il Tar ha rigettato la richiesta di sospensiva da parte di Rovereta, l’azienda di Cerasolo non molla e annuncia un imminente ricorso al Consiglio di Stato. “Sapevamo già che il Tar non sarebbe entrato nel merito e sapevamo anche che quasi mai il Tat concede le sospensive – spiegano i vertici di Petroltecnica -. Stiamo già preparando il ricorso al Consiglio di Stato avverso alla decisione del Tar che discuteremo a Roma nella prima udienza utile, speriamo il 29 agosto, ove siamo confidenti che verranno ascoltate le nostre ragioni. Non crediamo che ci sia nulla di cui rallegrarsi o complimentarsi in una situazione così grave e, in merito alle dichiarazioni sul presunto interesse del sindaco di Coriano nei confronti dei lavoratori e della loro tutela, il sindaco stesso dovrebbe spiegare come può tutelare i posti di lavoro quando con i provvedimenti adottati ha escluso che l’azienda possa continuare le attività che vengono legittimamente esercitate da un quarto di secolo. A questo proposito, va detto che il tavolo prefettizio, dopo quattro incontri, alla presenza di diversi attori istituzionali, si è chiuso perché la proposta del Comune consisteva nella concessione di lavorare solo negli uffici e non da subito”.

L’azienda precisa che è “in possesso di tutte le certificazioni ISO 18000, OHSAS, HSEQ (Salute, Sicurezza, Qualità, Ambiente), per le strutture e per i processi degli impianti, attivi dal 1993” e che ha “una AIA regionale in essere fino al 2021. In quale altra parte d’Italia, se non nel Comune di Coriano, potrebbe succedere che una azienda con tutte queste certificazioni, rischia di dover chiudere per degli abusi edilizi di piccola entità e per motivazioni pseudo urbanistiche facilmente confutabili sotto la scorza della propaganda e dell’accanimento?”.

Gli abusi che bloccano l’attività dell’azienda consisterebbero, secondo Petroltecnica, in un “capannone, in garage utilizzati come magazzino, in laboratorio e uffici, al fine di un maggior efficientamento aziendale. Per quanto riguarda l’altro capannone, non abbiamo apportato modifiche ad uno stabile in cui per 34 anni hanno lavorato oltre 100 dipendenti della ditta Celli. Una azienda che andrebbe tutelata e non affossata invece in tutti i modi – è la conclusione – perché ha 300 dipendenti, perché è una eccellenza nel campo ambientale, perché gli impianti di trattamento dal 1993 hanno recuperato oltre 600.000.000 chilogrammi di terreni, acque e olii ed attualmente sono in grado di recuperare (vera economia circolare) 80.000.000 di chilogrammi di terreni, acqua e olii evitando il conferimento in discarica (triste eredità che lasceremo ai nostri nipoti) o lo smaltimento illecito”.

Altre notizie
di Redazione
di Lamberto Abbati