sabato 21 settembre 2019
menu
In foto: Mister Coppitelli
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 24 ago 2019 15:17 ~ ultimo agg. 15:18
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Print Friendly, PDF & Email

C risiamo. Si riparte da Rimini con l’obiettivo, come 365 giorni fa, della salvezza. Il “leitmotiv” dell’estate imolese è stato proprio questo: “prima i 40-42 punti necessari per la salvezza e poi si vedrà”. Sarebbe alquanto pericoloso chiedere alla nuova rosa di Coppitelli di fare il passo più lungo della gamba.

E se sponda Imola si prepara con raziocinio il campionato che domani prenderà il via, sponda Rimini invece non si fa altro che parlare di trattative societarie. Quella con l’imprenditore italo americano Nicastro sembra essersi definitivamente arenata proprio sul più bello dopo un’estate passata a costruire insieme la nuova rosa.
Per quel che riguarda il campo anche il precampionato è stato ben differente per le due squadre: da un lato l’Imolese arrampicatasi fino al 3° turno di Coppa Italia Tim, dall’altro il Rimini sconfitto due volte ed eliminato dalla Coppa Italia di Serie C per via delle due sconfitte consecutive contro Cesena (1-2) e contro Vis Pesaro (0-1).

La guida tecnica è cambiata: a Mario Petrone non è bastata la vittoria del play out per evitare l’avvicendamento nella panchina che ora è affidata a Renato Cioffi, l’uomo che fece muovere primi passi in serie C a Ciro Immobile.
Per il 3-4-1-2 che intende utilizzare Cioffi sono state apportate molte modifiche alla rosa, nella quale vi sono solamente 6 reduci della stagione 2018/2019, conclusasi con il finale al cardiopalma dello spareggio salvezza contro la Virtus Vecomp Verona.

La squadra, allestita con l’aiuto economico di Nicastro, conta – fra gli altri – l’arrivo del portiere ex Sambenedettese Andrea Sala (classe 93), oltre alla conferma dell’idolo di casa Francesco Scotti. Il terzo portiere dovrebbe rimanere Santopadre, figlio del Presidente del Perugia mentre risulta ancora in rosa anche il portiere classe 97 Giacomo Nava che nell’ultima stagione ha collezionato 8 presenze.

La difesa a 3, salvo recupero in extremis, non sarà comandata dal difensore goleador Manuel Ferrani (autore del goal che sbloccò la partita contro l’Imolese a febbraio, nonché secondo miglior realizzatore della squadra con i suoi 4 centri) bloccato da un problema al quadricipite femorale. Per questo motivo la difesa dovrebbe essere composta da un trio di scommesse: Federico Scappi proveniente dal Luzzara in Promozione, Matteo Boccaccini arrivato dal Ravenna e Valerio Nava in rosa da gennaio 2019.

Nel centrocampo a 4 agiranno da esterni i due nuovi arrivi dal mercato dei dilettanti: Marco Picascia e Mario Finizio. Anche quest’anno il playmaker sarà Antonio Palma coadiuvato da Kenneth van Ransbeeck, proveniente dal Catanzaro. Il centrocampista belga si giocherà il posto con l’incontrista Andrea Montanari, richiamato alla base pochi giorni fa, dopo le 35 presenze in maglia biancorossa nella scorsa stagione. Dietro le due punte agirà Roberto Candido, classe 93, un altro dei reduci dell’ultima “complicata” stagione.

L’attacco è sicuramente il reparto più folto e che presenta nomi di maggior spessore: su tutti Federico Gerardi ex attaccante del Monopoli e con un trascorso in Serie B con la maglia del Cittadella. A far coppia con Gerardi dovremmo trovare Luca Zamparo (classe 94 in prestito dal Parma). Completano il reparto offensivo Danilo Ventola, nipote di Nicola Ventola, di proprietà del Genoa, Tomi Petrovic ex Virtus Entella (in goal nel primo match ufficiale della stagione contro il Cesena) e Scott Arlotti, che però pare sul piede di partenza visto il forte interesse del Monopoli.

DICHIARAZIONI
Federico Coppitelli:
“L’appuntamento di domani è un appuntamento importante perché segna ufficialmente il nostro l’esordio in campionato. Sarà un appuntamento molto differente da quei match, molto allenanti, che abbiamo sostenuto nelle scorse settimane. Siamo soddisfatti del percorso fatto fin qui, ma anche consapevoli che dovremo tramutare sul campo quanto di buono fatto in questo precampionato. Andiamo ad affrontare una trasferta che è sempre stata ostica per l’Imolese in questi anni e lì troveremo un avversario con giocatori affermati nella categoria e con un mister sicuramente esperto. Proveremo a fare la partita che abbiamo in mente utilizzando le nostre armi per mettere in difficoltà in Rimini.”

Valerio Matteo Celotti
Ufficio Stampa Imolese Calcio 1919

Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
di Icaro Sport   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna