martedì 17 settembre 2019
menu
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti Visualizzazioni 1.470 visite
ven 16 ago 2019 14:54 ~ ultimo agg. 17 ago 08:58
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.470
Print Friendly, PDF & Email

Due gravi episodi di violenza ieri notte si sono verificati in due discoteche della Riviera: il primo al Bikini di Cattolica, l’altro al Byblos di Misano Adriatico. In entrambi i casi i carabinieri, grazie alla preziosa collaborazione del personale di sicurezza, sono riusciti ad arrestare i responsabili.

Al Bikini, sulla spiaggia di Cattolica, intorno alle 2, un 18enne egiziano, che molestava i clienti probabilmente in preda all’alcol, è stato allontanato dagli addetti alla sicurezza che lo hanno preso di peso e trascinato fuori dal locale. Il nordafricano, però, non si è arreso e poco dopo è riuscito a rientrare. Ma i buttafuori, appena se ne sono accorti, l’hanno nuovamente afferrato e accompagnato all’uscita. Questa volta il 18enne ha reagito e, nel tentativo di divincolarsi dalla presa, ha incominciato a colpire gli addetti alla sicurezza con calci e manate. All’improvviso il giovane ha estratto un coltello col quale ha colpito più volte al costato e ai fianchi uno dei buttafuori, un 33enne, che si è accasciato a terra con le mani sporche di sangue. Mentre il nordafricano scappava, alcuni colleghi del 33enne hanno dato subito l’allarme ai carabinieri della Tenenza di Cattolica, intervenuti sul posto con due pattuglie. La fuga dell’accoltellatore è durata pochissimo: i militari, infatti, l’hanno individuato nelle vicinanze del Bikini e arrestato con l’accusa di lesioni aggravate. Il buttafuori è stato trasportato in ospedale, ancora sotto choc, per accertamenti. Per fortuna i tagli erano superficiali: se la caverà con 7 giorni di prognosi.

Anche al Byblos la serata di ferragosto è stata rovinata da una zuffa terminata con l’intervento di carabinieri e ambulanza, e con una minorenne ferita gravemente a un braccio. Ieri notte, poco dopo le 2.30, è scoppiata una lite tra un 22enne della provincia di Napoli e un 23enne colombiano. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della Compagnia di Riccione, il colombiano si trovava all’interno della discoteca con la sua fidanzata, una 16enne di Reggio Emilia, importunata dal turista napoletano. Qualche complimento di troppo, non gradito dalla 16enne, ha fatto scattare la zuffa. Il 22enne partenopeo durante la lite ha afferrato una bottiglia di vetro, o forse un bicchiere, l’ha spaccata e ha colpito fortunatamente di striscio il colombiano. Ad avere la peggio è stata la 16enne che nel tentativo di difendere il proprio ragazzo è stata raggiunta al braccio dal coccio, riportando un taglio molto profondo con una vistosa perdita di sangue. Gli addetti alla sicurezza e soprattutto il tempestivo intervento dei carabinieri, hanno fatto sì che il 22enne venisse arrestato con l’accusa di lesioni gravissime. La minorenne, infatti, dovrà essere sottoposta ad un delicato intervento chirurgico al braccio dal momento che il coccio gli ha quasi reciso i tendini. 

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna