Indietro
menu
la folle notte di una 40enne

Il diverbio tra condomini finisce con un coltello puntato alla gola di madre e figlia

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 5 ago 2019 14:56 ~ ultimo agg. 6 ago 12:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 2.880
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stata aggredita senza apparente motivo dalla vicina di casa, che è uscita dal suo appartamento come un furia brandendo un coltello da cucina con una lama di 30 centimetri. Attimi di terrore ieri sera in un condominio di Rimini in zona stadio, dove una 40enne brasiliana ha minacciato di morte sulle scale del palazzo la sua vicina e la figlia minorenne. Prima ha lanciato contro la madre un piatto di spaghetti, poi, dopo averla insultata, è rientrata in casa, ha afferrato un lungo coltello e l’ha puntato alla gola della donna. Che, terrorizzata, ha avuto la prontezza di allontanarsi insieme alla figlia sfuggendo alla furia della brasiliana.

Quando sul posto sono arrivate le volanti della polizia, la brasiliana si era barricata in casa: “Andate via, sbirri o vi sgozzo con il coltello che ho in mano”, continuava a urlare da dietro lo spioncino. A nulla sono valsi i tentativi di farla ragionare. I poliziotti si sono visti costretti a chiamare i vigili del fuoco per forzare la porta dell’appartamento. Nel frattempo, però, hanno circondato la casa per evitare che la 40enne potesse compiere gesti autolesionistici: “Se non ve ne andate mi taglio le vene”, ripeteva dal terrazzo della camera minacciando anche di gettarsi di sotto. Al termine di una lunga negoziazione la donna si è arresa e, dopo aver abbandonato il coltello all’interno del giardino condominiale, si è consegnata agli agenti. Che l’hanno arrestata per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, oltre che per lesioni dal momento che con il lancio del piatto aveva ferito ad un piede la figlia della vicina.

 
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione