giovedì 19 settembre 2019
menu
In foto: la zona attigua all'ingresso del cinema
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 30 ago 2019 17:02 ~ ultimo agg. 17:05
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Proprio la scorsa settimana l’amministrazione comunale di Rimini ha annunciato il secondo stralcio di lavori per l’ex Cinema Astoria. Una prima serie di interventi erano stati invece effettuati nel 2018. Oggi siamo andati a fare un giro in zona per vedere in che stato si trovano lo stabile e l’area circostante

Nonostante una prima fase di lavori sia già stata realizzata lo scorso anno e una seconda da 350mila euro sia in affidamento entro il 2019, l’ex cinema Astoria e l’area adiacente alla struttura sono ancora ben lontani dall’antico decoro.
I soffitti esterni davanti al cinema sono stati sistemati ma poco più in là ancora l’intonaco si scrosta. La pavimentazione è ricoperta di escrementi di piccione e parte dei pannelli non ci sono più. L’area verde davanti all’ingresso è abbandonata a se stessa. Intorno allo stabile fanno capolino transenne a protezione delle aree più cadenti. Il tutto nel mezzo del popoloso V Peep, a due passi da un distaccamento della polizia municipale (sotto lo stesso porticato) e da strutture scolastiche e accanto a negozi e attività.
Recentemente il comune è dovuto anche intervenire d’urgenza per “l’impermeabilizzazione della soletta a copertura della cabina Enel” che aveva subito danni a causa delle piogge.
Nei mesi scorsi alcuni residenti hanno segnalato anche la caduta a terra di parte della copertura del tetto.
Esattamente un anno fa, l’amministrazione annunciava il completamento delle opere strutturali e impiantistiche del foyer del cinema, dei camminamenti e dello spazio esterno della struttura. Nonché la revisione dei soffitti e controsoffitti e delle pavimentazioni del ballatoio al piano superiore.
La scorsa settimana è stato invece annunciato l’affidamento entro l’anno del secondo stralcio da 350mila euro per il rifacimento del solaio di copertura della torre scenica e del manto impermeabile della intera copertura dell’edificio. E ancora, il completamento delle dotazioni e dei servizi del foyer, la sistemazione dell’area verde e delle pavimentazioni esterne. Interventi urgenti e che i residenti chiedono ormai da tempo. Chissà che il prossimo non sia l’anno buono per trasformare in realtà lo slogan che fa capolino sulla struttura: La storia continua.
Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna