Indietro
menu
la sentenza

Ruota panoramica, per il giudice "nessun abuso". Assolti i tre imputati

In foto: la ruota panoramica
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 22 lug 2019 14:12 ~ ultimo agg. 23 lug 11:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Assolti perché il fatto non costituisce reato”. Così il giudice del tribunale di Rimini ha sentenziato questa mattina al termine del processo di primo grado che vedeva imputati per presunti abusi nell’installazione della ruota panoramica di piazzale Boscovich un ex dirigente comunale, un imprenditore e un architetto. L’ex dirigente del Suap, lo Sportello unico per le attività produttive del Comune di Rimini, Remo Valdisserri (ora in pensione) è stato assolto dai reati di abuso d’ufficio e falso in atto pubblico, Massimo De Carlo, legale della società The Wheel che allestisce l’attrazione, ha visto il reato di abuso edilizio cadere in prescrizione, mentre l’architetto Walter Giovagnoli, che ha lavorato per The Wheel, è stato assolto dal reato di falso.

Per il pubblico ministero la ruota panoramica, che fu installata nel 2012 inizialmente solo per il periodo estivo ma che poi rimase in piazzale Boscovich anche in autunno, non aveva i necessari permessi. O meglio li aveva ma solo come spettacolo itinerante (e in tal caso la sua permanenza non avrebbe dovuto superare i 180 giorni, altrimenti sarebbe stata equiparata a manufatto edilizio). Una successiva delibera del consiglio comunale rilasciò il permesso edilizio a costruire a termine, in deroga agli strumenti urbanistici, per motivi di interesse pubblico. In questo modo la ruota poteva restare al proprio posto oltre i 180 giorni previsti dalla legge.

Per la Procura, però, è possibile derogare solo su un bene pubblico o di interesse pubblico e non su un bene privato, come nel caso della ruota. I legali dei tre imputati (Maurizio Ghinelli e Vittorini Cagnoni per Valdisserri, Giancarlo Pasini per De Carlo e Giancarlo Migani per Giovagnoli) hanno invece dimostrato, producendo vecchie sentenze, l’esistenza dell’interesse pubblico da parte del Comune, essendo la ruota panoramica diventata un simbolo della Rimini turistica.

Notizie correlate
di Redazione   
Aperture gratis per il pubblico

Arte contemporanea, apre a Rimini il PART

di Redazione   
di Simona Mulazzani