lunedì 19 agosto 2019
menu
In foto: un rendering del Lungomare Rasi-Spinelli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mar 16 lug 2019 15:03
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Print Friendly, PDF & Email

Il progetto per il nuovo lungomare della Regina “Rasi-Spinelli” è candidato al bando della Regione a sostegno della “Promozione dell’Innovazione del prodotto Turistico e della riqualificazione urbana nel distretto balneare della costa emiliano-romagnola”.  Negli ultimi mesi, gli uffici comunali hanno lavorato per preparare la candidatura di Cattolica al bando che prevede risorse per un importo complessivo di 20 milioni e dedicato esclusivamente alle città della costa.

. I dettagli a cura dell’amministrazione comunale

IL PROGETTO.

Il progetto cattolichino, denominato “Riqualificazione e rifunzionalizzazione turistico-balneare del lungomare di levante Rasi-Spinelli” è una idea progettuale che prevede un investimento che si aggira intorno ai 4,5 milioni di euro, con una compartecipazione del Comune pari al 20%, mentre il rimanente 80% è posto a carico della Regione. L’intervento coinvolge i Giardini de Amicis, dove è già in programma un intervento alle vasche di laminazione a carico di Hera, e si sviluppa per tutto il tratto del lungomare Rasi Spinelli sino a Viale Verdi. È altresì coinvolta la sopraelevata pedonale che conduce all’area portuale, interessata da un importante intervento di restyling estetico e funzionale. Punto di forza del progetto è la rinaturalizzazione del lungomare attraverso inserimenti di verde, arredi, piazzette ed attrezzature per il fitness ed il wellness. Il progetto, sviluppato ad uno stadio preliminare e redatto dallo studio dell’ingegnere Regolo Poluzzi, potrà essere implementato da assetti organizzativi diversi da attuarsi nel corso di sviluppo del progetto definitivo che potrà coinvolgere anche le aree dei bagnini che intendono investire sull’intervento. A tale riguardo il responsabile del procedimento, il Dottor Baldino Gaddi, precisa che “l’affidamento dell’incarico per la redazione del progetto definitivo, in caso di finanziamento, verrà assegnato a seguito di bando di gara nel rispetto del Codice degli appalti. Il bando regionale prevede, peraltro, che i progetti che accederanno al finanziamento siano completati entro la fine del 2021”.

IL PERCORSO PARTECIPATIVO.

La progettazione del lungomare di ponente inciderà sulle attività economiche, sulla qualità urbana, sull’intera collettività cattolichina. Pertanto il Comune ha portato avanti un percorso di confronto e di ascolto con i suoi cittadini e con i suoi operatori economici volto ad intercettare la loro idea di nuovo lungomare, le loro esigenze e le loro priorità. Nell’arco di un paio di mesi si sono svolti diversi incontri e raccolto i feedback dei portatori di interesse attraverso un articolato questionario. “Un percorso partecipativo che ha dato voce alle aspettative dei cittadini – ha evidenziato l’Amministrazione. Lo dimostrano le 19 manifestazioni di interesse di altrettanti stabilimenti balneari che hanno formalmente supportato l’iniziativa di rigenerazione proposta dell’Amministrazione Comunale”.

IL SOSTEGNO DELLE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA.

“Semaforo verde” era arrivato da parte delle associazioni di categoria già nei mesi scorsi. Gli operatori economici si sono espressi favorevolmente e si sono detti pronti a sostenere il progetto. Come affermato pubblicamente, anche attraverso la stampa locale, dai privati potrebbe arrivare oltre un milione di euro da investire in opere, ampliamenti e ammodernamenti. “A Cattolica si è aperto – avevano annunciato – un nuovo tavolo di lavoro, che rappresenta il 99% degli operatori locali del turismo, composto da Giacomo Badioli (Confcommercio), Mirella Masi (Sindacato italiano balneari), Roberto Baldassarri (Cooperativa bagnini), Mauro Monaldi (Consorzio La Regina), Andrea Terenzi (Consorzio Le Sirene), Massimo Cavalieri (Aia)”. “Da questo tavolo – avevano sottolineato i privati – è emersa la disponibilità degli operatori al confronto con le istituzioni e il sostegno dell’Amministrazione comunale in vista dell’avvio del bando regionale”.

IL SINDACO.

Si tratta di un investimento – ha sottolineato il Sindaco Mariano Gennariper il futuro della nostra città. L’idea fondante è quella che il nuovo lungomare rappresenti un elemento di unione tra la città e l’area balneare. Questo progetto rappresenta una innovazione che abbiamo condiviso con i bagnini degli stabilimenti balneari. All’interno della loro concessione, in diversi si sono resi disponibili a realizzare opere in sintonia con il progetto. Sono soddisfatto dalla risposta dei cattolichini, con il sostegno di tutti possiamo raggiungere un risultato davvero ottimo”.

Altre notizie
di Simona Mulazzani
Notizie correlate
di Redazione   
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
Una questione delicata

Legge o coscienza?

di Andrea Turchini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna