venerdì 19 luglio 2019
menu
In foto: la spiaggia
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 6 giu 2019 14:35 ~ ultimo agg. 14:42
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

La spiaggia di Rimini si prepara ad accogliere i turisti con una serie di novità a partire dalla scelta eco-compatibile di un arenile plastic e smoke free. Durante l’estate sarà vietato sommininistrare bevande in bicchieri di plastica monouso e bandite le cannucce, via libera ai materiali riutilizzabili o compostabili. Bagnini e ristobar si sono già convertiti a plastica organica, il policarbonato e il polipropilene. L’ordinanza balneare introduce anche il divieto di fumare sulla battigia. Una tendenza eco abbracciata da diversi stabilimenti (info: www.ecospiagge.it ).

Sempre più operatori scelgono di lavorare insieme per potenziare i servizi: ‘Spiaggia Marina Centro’, “Libra” o “Le Spiagge” sono alcuni esempi di questa tendenza. Arriva il ‘Beach tutor’, l’assistente di spiaggia, che fornisce informazioni sia sui servizi offerti dallo stabilimento sia sulle opportunità turistiche di tutto il territorio e poi vasche idromassaggio, lezioni di sport, le suite in riva al mare, i servizi di ristorazione sotto l’ombrellone. L’8 giugno sarà inaugurato il Bagno Belvedere di Marina Centro (28A), costruito in bio edilizia e che ha, a monte dello stabilimento, un giardino di oltre 500 mq e una area benessere.

Novità anche sui divertimenti in spiaggia: a partire dal Teqball, una disciplina che unisce due sport: il ping pong e il calcio. Si gioca con i piedi utilizzando un pallone da calcio e un tavolo ricurvo diviso a metà da una rete (come quelli presenti al Bagno 55). E poi il Calcio Biliardo, una fusione tra i due sport. Si gioca in due e si possono fare veri e propri tornei, ad esempio al Bagno Coco Beach 106B a Marebello. Al bagno 26 di Marina Centro ci si può allenare a basket in un modo originale, con 7 canestri a disposizione. 7 i giocatori, 6 i tiri a disposizione.

Riapre per una nuova stagione il Boabay e nella zona di Marina Centro c’è Rimini Island #vatatufè, la “piscina naturale” per tutti.

Sulla spiaggia riminese grande attenzione anche all’accessibilità: per i non vedenti ed ipovedenti ci sono ad esempio pavimenti tattili o con passerelle trasversali fino agli ombrelloni e mappa in braille dello stabilimento, per conoscere la disposizione dei servizi di spiaggia, per chi ha disabilità fisica ci sono le carrozzine da spiaggia e dal 2013 Rimini aderisce al progetto Autism Friendly Beach. Spiaggia Marina Centro (bagni da 19 a 28) ha creato una collaborazione che l’associazione  ‘Crescere Insieme’, per l’integrazione delle persone con fragilità sociale coinvolgendole nello staff degli stabilimenti interessati.  Da quest’anno il consorzio propone anche l’iniziativa “l’Ombrellone Solidale”, che coinvolge direttamente i bagnanti permettendo loro di contribuire al tirocinio delle persone con disabilità occupate all’interno degli stabilimenti: per ogni ombrellone o brandina noleggiata il cliente può aggiungere un contributo volontario e i bagnini devolveranno altrettanto al progetto.  

Sul fronte degli amici a quattro zampe: Rimini vanta il primo stabilimento balneare interamente dedicato ai cani (Rimini 81 Dog No Problem), dove non si può entrare se non si ha un cane. C’è il Lido San Giuliano che mette a disposizione una cinquantina ombrelloni per i possessori di cani. La lista degli stabilimenti dog frinedly è in continuo aggiornamento e consultabile sul sito www.riminiturismo.it alla voce Servizi di Spiaggia. Inoltre, già dall’anno scorso, gli animali, oltre a scendere in spiaggia, possono anche entrare in acqua ma solo ed esclusivamente in determinate ore e in determinate zone. I

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
La rassegna a Riccione

Ciné 2019, ecco il programma

di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna