domenica 21 luglio 2019
menu
In foto: l'ufficio immigrazione della Questura
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mar 25 giu 2019 08:18 ~ ultimo agg. 11:45
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Lo hanno visto aggirarsi domenica sera, verso le 19.30 a Rivabella, con indosso solo un paio di slip, in un mano una bombola di gas e nell’altra quattro palettine da spiaggia. I residenti, allarmati, hanno subito chiamato la polizia che è intervenuta, trovando il ragazzo, un richiedente asilo originario della Guinea Bissau, in evidente stato confusionale.

Dopo gli accertamenti, però, la sorpresa. L’uomo è lo stesso che venerdì scorso, a Viserba, aveva colpito alla schiena, con una catena, una donna di 64 anni senza alcun apparente motivo. Dopo quel gesto era stato rimesso in libertà ma con l’obbligo di non tornare a Rimini.

Ma, come riferito dalla stampa locale, l’obbligo è stato disatteso e il richiedente asilo adesso è stato visitato e sottoposto ad un trattamento sanitario obbligatorio. Al momento è ricoverato in psichiatria e sottoposto a cure.

Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna