sabato 15 giugno 2019
menu
In foto: uno dei termosifoni in ghisa recuperati
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto Visualizzazioni 1.424 visite
mer 12 giu 2019 09:44 ~ ultimo agg. 13 giu 10:44
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto Visualizzazioni 1.424
Print Friendly, PDF & Email

Una vera e propria discarica sommersa di rifiuti di vario tipo sul fondale marino nell’area del porticciolo di Viserba. A scoprirla i sommozzatori delle Fiamme Gialle della Stazione Navale di Rimini che nei giorni scorsi hanno eseguito alcune immersioni lungo le scogliere frangiflutti del riminese.
In particolare, è stata individuata la presenza di termosifoni in ghisa, pneumatici esausti, griglie metalliche, spezzoni di reti ed ancorotti da pesca, buste di plastica e lattine, semi sommersi dalla sabbia ma presenti sul fondale marino ormai da tempo. Probabilmente materiali abbandonati da parte di privati.
I sommozzatori del Corpo si sono subito attivati per il recupero, utilizzando il pallone di sollevamento in dotazione per portare a galla i pesanti termosifoni in ghisa. I rifiuti sono poi stati conferiti ad un operatore ecologico autorizzato per l’avviamento allo smaltimento.
Gettare qualsivoglia tipologia di rifiuto in mare – spiega la Guardia di Finanza –, oltre a costituire un illecito punito dal testo unico ambientale, determina gravi danni e forme di inquinamento persistenti sia all’ambiente marino sia alla flora e fauna ittica che lo popola“.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna