Indietro
menu
Agricoltura Giovani

Dalla Locride la tradizione dei prelibati carciofini selvatici

di Francesca Magnoni   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 23 mag 2019 15:47 ~ ultimo agg. 16:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La sesta puntata ci porta tra i comuni di Benestare e Ardore, in provincia di Reggio Calabria, a circa 300 metri di altitudine e a 7 km dal mare, dove conosciamo la giovanissima Valentina Brizzi, 24 anni, studentessa in ingegneria biomedica, che qualche anno fa ha lasciato Milano per tornare nell’entroterra della Locride assieme ai genitori e realizzare un sogno: recuperare un’antica tradizione per farne un’impresa, quella della coltivazione e trasformazione dei prelibati carciofini selvatici, tipici di questa zona. In 6 ettari di terra coltiva anche fichi, fichi d’india e melanzane per trasformarle in prodotti gastronomici di alta qualità in un luogo in cui la terra è estremamente fertile e i suoi frutti nascono in maniera spontanea preservando quindi tutte le loro proprietà nutraceutiche e senza la necessità di particolari cure.

La sua azienda si chiama Zinurra, che nel dialetto della Locride e dalla probabile derivazione araba gunnar significa ‘carciofo’, e si tratta di una specie di carciofo selvatico (Cynara cardunculus) che cresce spontaneamente in queste terre e che da sempre si raccoglie seguendo alla lettera i dettami della tradizione, che Valentina ha trasformato in prodotto da commercializzare. I carciofini selvatici raccolti da Valentina con l’aiuto dei genitori, sono stati analizzati e confermano valori nutrizionali eccellenti: rispetto ai cuori di carciofo normalmente presenti sul mercato, presentano il 30% di grassi in meno e il contenuto di sale è ridotto ad appena un terzo mentre il contenuto di fibre è di tre volte maggiore. Un toccasana dunque da assaporare al naturale oppure sott’olio o ancora, in una delle tante squisite creme da spalmare su bruschetta e ideali come condimento per la pasta, con pistacchio di Bronte, nocciole nostrane o con bacche fresche di Goji Italiane bio.

IL RITORNO ALLA PROPRIA TERRA

Quella di Valentina è una storia in contro-tendenza: il ritorno alla propria terra, una esperienza che racconta di ricambio generazionale ma anche di rivitalizzazione di una terra troppo spesso abbandonata e che invece è ricca e fertile dal punto di vista agricolo e anche paesaggistico.

IN CUCINA

La puntata ha sempre un focus sul territorio curato da un referente di Confagricoltura, l’organizzazione di rappresentanza e tutela dell’impresa agricola italiana che collabora al progetto, e si conclude con una ricetta regionale preparata dagli studenti e docenti dell’Istituto Alberghiero Malatesta di Rimini e alcuni consigli di sana e corretta alimentazione curati da Francesca Cerami, esperta in nutraceutica, dell’Istituto per la Promozione e la Valorizzazione della Dieta del Mediterraneo che ha sede a Palermo

Altre notizie
Agricoltura Ambiente

Il prosciutto del Casentino

di Francesca Magnoni
Agricoltura Ambiente

Il riso IGP del Delta del Po

di Francesca Magnoni
di Francesca Magnoni
di Simona Mulazzani
di Redazione
di Francesca Magnoni
Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
di Simona Mulazzani   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna