domenica 21 luglio 2019
menu
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 24 apr 2019 17:41
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Ai reati commessi sono seguite le condanne ma non il carcere. Almeno fino a ieri, quando gli uomini della squadra mobile di Rimini hanno individuato e assicurato alla giustizia un truffatore, un rapinatore e un estorsore.

Un 61enne riminese residente in città, sul quale pendeva un ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Prato a otto anni di reclusione per truffa, ricettazione e bancarotta, tutti reati commessi tra Rimini, Prato e Como, era ricercato dallo scorso 21 marzo. Dopo estenuati ricerche, i poliziotti della questura di Rimini lo hanno finalmente rintracciato al mercato di Cesenatico. Bloccato e arrestato, il 61enne è stato trasferito nel carcere riminese dei Casetti. Stessa sorte toccata ad un 28enne peruviano residente a Pesaro, colpito da un ordine di carcerazione a un anno e 5 mesi di reclusione, perché ritenuto colpevole di rapina aggravata e porto abusivo di armi, entrambi i reati commessi ad Ascoli il 26 novembre 2016. Rintracciato a Rimini, il peruviano è stato condotto in carcere.

In carcere è finito anche un 40enne egiziano residente a Riccione, condannato dal tribunale di Rimini lo scorso 12 aprile a 3 anni per estorsione e rapina aggravata in concorso, reati commessi il 6 marzo del 2011 a San Clemente. Individuato sempre a Rimini dagli uomini della Mobile, l’africano è stato assicurato alla giustizia.

Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna