sabato 7 dicembre 2019
menu
Bornaccini purché provvisorio

Sede Questura, l'OdG di Renzi mette quasi tutti d'accordo

In foto: Gli uffici di piazzale Bornaccini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 19 apr 2019 11:30 ~ ultimo agg. 20 apr 11:31
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Ieri sera il Consiglio Comunale di Rimini ha approvato l’autorizzazione ai lavori e al cambio di destinazione degli uffici di piazzale Bornaccini per permettere l’ingresso della Polizia di Stato. L’autorizzazione è stata approvata con 21 voti a favore e quattro astenuti (Mauro, Renzi, Zilli e Camporesi).

Con questo passaggio procedurale – ricorda l’Amministrazione Comunale – si dà sostanza a una delle indicazioni presenti nel Patto sulla Sicurezza, sottoscritto nel dicembre 2017 da Prefettura, Comuni e Provincia di Rimini alla presenza del Ministro dell’Interno, in ordine all’individuazione di una soluzione provvisoria per la sede della Polizia di Stato, nell’attesa che – come prevede il Patto – venga ripristinato in tempi rapidi il percorso amministrativo statale per la realizzazione della nuova Cittadella permanente della Sicurezza, in via Ugo Bassi, destinata ad ospitare Questura, gli organici della Polizia Stradale e della Guardia della Finanza.

Il Comune di Rimini ha approntato una specifica deroga agli strumenti urbanistici che dà assenso ai necessari lavori di approntamento della sede provvisoria nell’immobile di piazzale Bornaccini, disponendo nel contempo il cambio di destinazione d’uso. L’autorizzazione in deroga prevede la destinazione a sede temporanea della Questura per ‘il periodo corrispondente alla validità contrattuale (del contratto di locazione) e in ogni caso non oltre la permanenza degli uffici della Questura nell’immobile.

E’ stato approvato anche un ordine del giorno presentato da Gioenzo Renzi di Fratelli d’Italia che ribadisce come la soluzione di piazzale Bornaccini debba essere solo provvisoria in vista dell’auspicato trasferimento nella struttura di via Ugo Bassi. L’ordine del giorno è stato approvato trasversalmente con 23 voti favorevoli e due astenuti, Zoccarato e Grotti della Lega. L’Ordine del Giorno di Renzi, ”Dal trasferimento temporaneo della Questura in piazzale Bornaccini a quello definitivo in tempi brevi in via Ugo Bassi con la realizzazione della cittadella della sicurezza”, impegna il sindaco e la Giunta comunale “ad attivarsi presso il Ministro dell’Interno, affinchè concretizzi in tempi brevi, la proposta di acquisto e ristrutturazione dell’immobile di Via Ugo Bassi per realizzare a Rimini, dopo ormai vent’anni, la Nuova Questura e la Cittadella della Sicurezza in un edificio di proprietà dello Stato, come avvenuto in altri capoluoghi di provincia, per capitalizzare, inoltre, l’esborso pattuito per l’affitto di Piazzale Bornaccini”. Così renzi riassume la sua posizione:

La soluzione con la locazione dell’immobile di Piazzale Bornaccini può essere solo emergenziale per le esigenze immediate della Questura e di breve durata, in quanto, nonostante la deroga agli strumenti urbanistici, permangono gli oggettivi limiti, strutturali dell’edificio, l’insufficienza dei parcheggi, l’impatto sul contesto circostante già congestionato da uffici comunali, residenti palacongressi.  L’ODG ribadisce nell’interesse generale della città le seguenti ragioni: :

  1. L’idoneità della Nuova Questura nel complesso immobiliare di Via Ugo Bassi, costruito appositamente dal 2000 al 2003 sull’asse mediano di attraversamento veloce della città, con la superficie di mq.23.000 e con caratteristiche intrinseche( circa 100 stanze per 200 Agenti di rinforzo nel periodo estivo), le abitazioni per il Questore e Vice Questore, i posti auto all’interno, l’ampio parcheggio all’esterno per l’accessibilità dei cittadini.

  2. La necessità di realizzare la Cittadella della Sicurezza, comprendente oltre la Nuova Questura, la Sezione della Polizia Stradale e il Comando Provinciale della Guardia di Finanza.

Il Consiglio Comunale, dopo l’inspiegabile ritiro da parte dell’INAIL dell’offerta al Curatore fallimentare, confida che la proposta comunicata al Comune del Ministero dell’Interno di acquisto e ristrutturazione dell’immobile di Via Ugo Bassi si concretizzi in tempi brevi . Dopo ormai 20 anni di impegni disattesi e annunci da parte di Ministri degli Interni di tutti i colori, non si possono aspettare altri 20 anni, per realizzare a Rimini la Nuova Questura e la Cittadella della Sicurezza.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna