sabato 7 dicembre 2019
menu
Hurrà al "Neri"

Rimini-Sambenedettese 3-1, le pagelle di Nicola Strazzacapa

In foto: Il saluto iniziale
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 20 apr 2019 23:55 ~ ultimo agg. 22 apr 10:34
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

SCOTTI 8. Inizia con un miracolo pasquale su Rapisarda a conservare il vantaggio lampo, fa il bis sull’incornata di Fissore alla mezzora nell’altro angolino basso e il tris di piede su Di Massimo a inizio ripresa mantenendo la gara in parità. Una tripletta che vale i tre punti. San Francesco!

BRIGHI 5.5. Primo tempo in apnea con Russotto, migliora nella ripresa quando può dormire sonni più tranquilli. Paga i mesi senza campionato e arranca anche per assenza di ritmo gara. Affannato!

FERRANI 7. Il “solito” gol su palla inattiva, il quarto decisivo di una stagione (la sua) più che positiva, la solita grinta nel difenderlo rimbalzando tutto e tutti per tutta la gara. Gladiatore!

MARCHETTI 6. Deve arrendersi alla mezzora, lascia la squadra in vantaggio dopo essersi guadagnato la sua pagnotta. Sufficiente!

BANDINI 5.5. Diciamo che la cosiddetta catena difensiva di destra è stata tutt’altro che ermetica… Se ci aggiungiamo che le scorribande in fascia sono rimaste nelle intenzioni la somma non può che essere insufficiente. Frenato!

MONTANARI 6. Nel suo moto perpetuo si infila in area al momento giusto ricevendo la tamponata che procura il rigore chiudi partita. Una giocata di platino nella consueta generosità infinita. Trottolino!

PALMA 6.5. Nel primo tempo fatica a prendere in mano le chiavi della gara, nella ripresa decripta la sfida verità e prende in mano le operazioni crescendo di livello e facendo crescere tutta la squadra. Indispensabile!

VARIOLA 6. Ritrova una maglia da titolare dopo una vita, la brillantezza non è nel suo Dna ma si piazza sulla sinistra della mediana a tre e non demerita. Dalla sua anche un bel tiro dalla distanza al 35’. Utile!

GUIEBRE 6.5. Dieci minuti un po’ spaesati, poi ritrova gamba e certezze. Dopo l’intervallo torna il pendolino dei tempi belli e infila una serie di belle giocate ad alta velocità. Scalda il mancino con un tiro interessante a inizio ripresa e nel bis in diagonale costringe l’estremo marchigiano al paratone. Stantuffo!

CANDIDO 6.5. Inizia scodellando da corner sulla testa di Ferrani, si dà da fare a raccordo fra centrocampo e Piccioni, sfiora il gol con un destro volante che esalta Sala e si conferma un iceberg infallibile dal dischetto. Bravo!

PICCIONI 6. Si muove molto, addomestica qualche pallone difficile e regala un bell’assist di testa a Candido. Considerati i palloni che gli arrivano, fa il suo. Sufficiente!

30’ PETTI 6. Entra alla mezzora e non sbanda mai. L’esperienza non gli manca e la mette tutta al servizio della causa, sfoderando anche una gran diagonale a centro area. Cambiale!

24’ st VOLPE 6.5. Entra e incorna subito in rete il gran cross di Palma, poi si dedica al lavoro sporco. Decisivo!

24’ st BADJE 6. Ci mette cuore e fisicità, tutto quello che gli veniva chiesto. In partita!

42’ st CICAREVIC SV.

42’ st VITI SV.

PETRONE 7. Rispolvera la difesa a tre e la mediana a tre per proteggere le geometrie di Palma, la squadra soffre una mezzora prima del the caldo e regala una ripresa tutto cuore e di buona qualità. Quella che può passare il convento e una rosa non certo infarcita di piedi di velluto. La vittoria del Renate a Bolzano rendeva ancor più vitali i tre punti, il Rimini li ha ottenuto dando anche segnali incoraggianti sotto il profilo della personalità e dopo la bambola generale di Monza non era facile. A 180 minuti è ancora tutto aperto, anche la salvezza diretta, già questa
è una piccola impresa. Psicologo!

Nicola Strazzacapa

Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna