giovedì 21 novembre 2019
menu
Dal 3 al 5 maggio

La Settima Arte. Pupi Avati presiede la giuria del Premio

In foto: Pupi Avati
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 5 apr 2019 17:37 ~ ultimo agg. 17:43
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Sarà Pupi Avati a presidere la giuria del premio Cinema e Industria di “La Settima Arte”, la manifestazione che dal 3 al 5 maggio animerà Rimini. E’ in definizione il programma della tre giorni di eventi, ideata e organizzata da Confindustria Romagna, Khairos Srl (Cinema Fulgor e Cinema Settebello), Università Alma Mater Studiorum Bologna – Dipartimento Scienze per la Qualità della Vita di Rimini con la collaborazione del Comune di Rimini. Il programma sarà pubblicato prossimamente sul sito www.lasettimarte.it.

Il Premio Confindustria Romagna – Cinema e Industria è dedicato alle figure che si sono distinte nell’universo delle professioni che caratterizzano il settore.

A selezionare i vincitori sarà la giuria presieduta da Pupi Avati, che proprio quest’anno festeggia i 50 anni di una carriera segnata da riconoscimenti importanti e grandi successi come “La casa dalle finestre che ridono”, “Aiutami a sognare”, “Una gita scolastica”, “Regalo di Natale”, “Magnificat”. Con lui Francesco Adriano De Micheli, produttore cinematografico, amministratore delegato di Anica servizi e amministratore unico della Dean Film, che ha all’attivo pellicole come “C’eravamo tanto amati”, “I nuovi mostri”, “Profumo di donna” e il remake “Scent of a Woman” che valse ad Al Pacino l’Oscar come miglior attore protagonista; Marco Leonetti, responsabile della Cineteca di Rimini; Roy Menarini, docente di “Cinema e industria culturale”, Campus di Rimini, Università di Bologna; Gianfranco Miro Gori, storico del cinema, e Stefano Pucci, imprenditore.

I vincitori del premio “Cinema e Industria” saranno premiati durante la cerimonia conclusiva della manifestazione, che si terrà il 5 maggio al Teatro Galli. Il premio – spiegano i promotori – riconosce non solo il prodotto dell’ingegno, ma la persona, con una particolare attenzione ai giovani e a chi ha saputo esportare e dare lustro al territorio. La manifestazione fa parte del calendario degli eventi di “Verso il 2020: 100 anni di Fellini”.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
di Maurizio Ceccarini
VIDEO
di Redazione
di Redazione
FOTO
di Andrea Polazzi
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna