giovedì 21 novembre 2019
menu
Le novità di Start Romagna

Furbetti del bus ticket. Arriva la validazione obbligatoria

In foto: la presentazione della campagna di Start
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti Visualizzazioni 1.890 visite
mer 3 apr 2019 13:37 ~ ultimo agg. 4 apr 12:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.890
Print Friendly, PDF & Email

500mila controlli all’anno eseguiti da Start in Romagna e circa 60mila multe, la metà delle quali nel riminese. Un problema quello di chi usa l’autobus senza titolo di viaggio che potrebbe essere arginato dalla validazione obbligatoria ad ogni utilizzo che riguarderà i biglietti singoli (ogni volta che si sale su un mezzo anche utilizzando lo stesso biglietto va convalidato) ma anche gli abbonamenti. Una novità imposta da una legge regionale e, se all’inizio si partirà con la sensibilizzazione dei viaggiatori, presto arriveranno anche le sanzioni. “I bus sono tutti geolocalizzati e questa novità ci permette di mappare gli spostamenti nel territorio, le nuove esigenze di mobilità. Anche in chiave turistica possono essere di grande aiuto – spiega il presidente di Start Romagna Marco Benati  -. E’ chiaro che serve anche come deterrente per chi viaggia senza ticket. E’ una sorta di controllo sociale, perché se un viaggiatore sale e non fa niente è come se dicesse agli altri: non ho il biglietto

Altra novità riguarda le cinque telecamere di video sorveglianza posizionate su ogni autobus e l’acquisto, anche con carta e bancomat, dei titoli di viaggio sui mezzi, con un approccio sempre più digitale nella fruizione del trasporto pubblico. “Sono state installate sessanta emettritrici di nuova generazione, per far si che, anche se non si hanno monete in tasca, si possa pagare con le carte. Un servizio che si integra anche alle varie app già presenti” aggiunge Benati.

Nessuna novità, invece, sul destino della linea 11, che sarebbe dovuta scomparire con la partenza del metromare. Quest’estate? Al momento a Start non è arrivata alcuna comunicazione. “Noi da semplici gestori del servizio in ogni tavolo in cui siamo invitati con le istituzioni e AMR diciamo che siamo pronti a fare quello che ci chiederanno. Certo che la procedura di collaudo è molto complessa, al momento siamo in attesa“.

Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna