sabato 25 maggio 2019
In foto: un momento della Via Crucis
di Redazione   
lettura: 2 minuti
gio 18 apr 2019 18:42
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Quasi 900 fedeli hanno seguito ieri sera il vescovo Lambiasi dal ponte di Tiberio fino in cattedrale per la Via Crucis promossa dalla comunità riminese di Comunione e liberazione. Il ritrovo alle 20 all’invaso del ponte di Tiberio e poi, sul far della sera, la partenza del corteo accompagnato da canti, letture e le meditazioni del vescovo e dei sacerdoti della comunità.

Il racconto

Un fiume silenzioso ha attraversato le vie del centro storico di Rimini, ieri sera. Guidati dal vescovo, Francesco Lambiasi, oltre 850 fedeli hanno partecipato alla Via Crucis promossa dalla comunità riminese di Comunione e liberazione. I fedeli si sono ritrovati alle 20 all’invaso del ponte di Tiberio. Da qui, con le luci del crepuscolo, è iniziata la preghiera del servo di Dio, don Luigi Giussani, fondatore di Cl, con canti della tradizione, con letture dei brani evangelici della passione e della morte di Cristo e di brani tratti dal drammaturgo Charles Peguy, con le meditazioni del vescovo e dei sacerdoti della comunità.

Il corteo ha percorso le vie del centro storico facendo tappa nel giardino del museo, nella corte del nuovo complesso universitario Leon Battista Alberti, sul sagrato della cattedrale, per poi terminare all’interno la lunga e immedesimante preghiera, di fronte al crocifisso di Giotto, coperto dal drappo viola quaresimale. La celebrazione si è conclusa alle 22,30 circa.

“Stasera facciamo memoria della passione e della morte di Gesù, seguendo la guida amorevole del nostro vescovo, nel cuore della nostra città, tenendo lo sguardo fisso alla croce, ascoltando. Cediamo come Gesù ci ha insegnato, lasciando spazio nel nostro cuore alla sua presenza”, ha spiegato all’inizio il responsabile di Cl Rimini, Cristian Lami. “Gesù – ha sottolineato Lami – con la sua vita, attraverso al croce, ci indica la strada per poter affrontare ogni sfida della realtà: il rapporto con il Padre. Impariamo da Gesù, per il quale il rapporto affettivo con il padre, non toglie la paura o l’angoscia, ma permette la crescita della certezza che la vita vale in quanto consiste del legame col Padre, in un amore infinito di cui noi siamo destinatari”.

La serata di preghiera è stata possibile grazie all’impegno di oltre un centinaio di volontari, tra segreteria, servizio di accoglienza, tecnici e coro e a un lungo lavoro di preparazione nelle scorse settimane.

 

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
VIDEO
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna