sabato 20 luglio 2019
menu
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 4 mar 2019 15:07 ~ ultimo agg. 15:54
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

ARGENTA-DANY DOLPHINS RICCIONE 93-92 (d2ts)

IL TABELLINO
ARGENTA: Guglielmo 8, Bianchi 3, Quaiotto L. 17, Montaguri 22, Malagolini 8, Magnani 7, Quaiotto A. 7, Alberti D. 8, Alberti A. 8, Di Tizio 6, Nicoletti.

DANY RICCIONE: Cruz 18, Pierucci 23, Flenghi, Amadori 23, Chistè 4, Martinucci, Mazzotti 24, Zavatta. All. Ferro

ARBITRI: Campedelli di Carpi e Pongiluppi di Mirandola.

Parziali: 23-27, 43-47, 64-62, 79-79, 87-87.

CRONACA E COMMENTO
Nella giornata più difficile, la Dany Riccione gioca una delle partite più belle della stagione, costringe Argenta a due tempi supplementari sul suo campo ma alla fine, dopo un appassionante quanto estenuante braccio di ferro, è costretta ad alzare bandiera bianca (93-92). Le sconfitte non sono mai belle ma questa partita in casa della seconda forza del campionato, contro una Cestistica Argenta capace di infilare la tredicesima vittoria consecutiva, non può che essere accolta con gli applausi per i ragazzi di coach Maurizio Ferro (alle prese con il record stagionale di assenze), non solo protagonisti di una prestazione fuori dal comune, ma anche vicinissimi al clamoroso successo.
I Dolphins vedono infatti la vittoria in faccia a 17 secondi dalla fine del primo overtime, quando sul +3 (84-87) vengono purtroppo falliti i due liberi che avrebbero decretato il preziosissimo quanto insperato blitz. Puntualmente Argenta mette la tripla dell’aggancio e si va al secondo supplementare in cui entrambe le squadre sono allo stremo delle forze e Riccione paga inesorabilmente il fatto di poter contare su soli 8 uomini a referto tra cui un paio di esordienti assoluti. Che i biancazzurri fossero in una di quelle serate da urlo lo si era capito fin dall’avvio.

Subito 27 punti sul tabellone a fine primo quarto e un messaggio chiaro per Argenta che fatica a contenere i Dolphins anche nel secondo periodo, chiuso sul +4 dai ragazzi di Ferro (43-47) con un Cruz superlativo (8/10 da due), un Mazzotti da 24 punti e 14 rimbalzi e il solito capitan Amadori (23 punti e 11 rimbalzi) sugli scudi. I padroni ovviamente non ci stanno e nel secondo tempo ci mettono ancora qualcosa in più, ribaltando il risultato a fine terzo ma vedendosi poi costretti ai supplementari. Un vero peccato per la Dany che però con questo spirito potrà giocarsi tutte le sue carte sul tavolo della lotta salvezza.

E dopo due trasferte consecutive, i Dolphins torneranno a giocare sul parquet amico: questa sera (ore 21:15) nel recupero contro Giardini Margherita e sabato 8 marzo (ore 21) per affrontare il Cesena Basket.

Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna