mercoledì 18 settembre 2019
menu
In foto: Gloria Lisi in consiglio comunale
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
gio 28 mar 2019 09:11 ~ ultimo agg. 13:08
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Aveva fatto irruzione nell’ufficio del vicesindaco di Rimini, Gloria Lisi, in via Ducale, minacciandola di morte perché il Comune gli aveva revocato il diritto alla casa (giudicando che non avesse più i requisiti necessari).

L’uomo, un riminese con diversi precedenti legati e già seguito dai servizi sociali, dovrà ora risponderne davanti all’autorità giudiziaria, per minacce aggravate.

I fatti risalgono a qualche mese fa. E qualche giorno fa Gloria Lisi è stata convocata in tribunale per testimoniare contro l’uomo, che si era presentato in via Ducale anche in altre occasioni per urlare in faccia al vicesindaco il suo malcontento. Quel giorno però aveva esagerato, arrivando a minacciare di morte la Lisi davanti a molti testimoni. Ed il vicesindaco era andata in Questura a denunciare l’episodio.

“I servizi sociali non funzionano come un welfare di tipo assistenziale” il commento di Gloria Lisi.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Icaro Sport   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna