Indietro
menu
Frode su fallimenti

Evasione e bancarotta: sequestro preventivo da 900mila euro

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 29 mar 2019 14:57 ~ ultimo agg. 30 mar 10:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 1.055
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rimini hanno dato esecuzione nei giorni scorsi, in collaborazione con i Reparti di Como, Gorgonzola ed Aversa, ad un decreto di sequestro preventivo “per equivalente” per un importo di 900 mila euro. Il provvedimento, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Rimini Manuel Bianchi, rappresenta l’atto conclusivo delle indagini su un caso di evasione dell’IVA e bancarotta, coordinate dalla locale Procura della Repubblica e scaturite dal fallimento di una società di Rimini. Quattro le persone indagate.

Gli accertamenti dei finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Rimini hanno consentito di ricostruire la distrazione dei proventi realizzati da una società fallita, specializzata in produzione e assistenza software. La società è risultata coinvolta in un meccanismo di frode per evadere l’IVA nella commercializzazione di prodotti informatici acquistati in altri Paesi dell’Unione Europea per oltre 3,5 milioni di euro, avvalendosi di una rete distributiva costituita da società prossime al fallimento situate in diverse regioni italiane.