lunedì 23 settembre 2019
menu
In foto: un immagine prima e dopo la demolizione
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti Visualizzazioni 2.044 visite
mer 27 feb 2019 13:11 ~ ultimo agg. 28 feb 10:25
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 2.044
Print Friendly, PDF & Email

169 tralicci e 41 km di vecchi elettrodotti saranno demoliti tra la provincia di Rimini e il Rubicone. E’ quanto previsto dal riassetto della rete elettrica che in questi giorni Terna sta presentando sul territorio. Complessivamente sono otto i comuni romagnoli coinvolti dal progetto che nei prossimi mesi inizierà il suo iter autorizzativo presso i Ministeri competenti. L’inizio dei lavori stimato tra la fine del 2020 e i primi mesi del 2021. L’obiettivo, spiega Terna, è quello di rendere più sicuro ed efficiente il sistema elettrico dell’area, soprattutto durante la stagione estiva quando si registrano picchi di consumi. I comuni interessati in provincia sono Rimini, Riccione, Coriano e Santarcangelo ai quali si aggiungono San Mauro, Savignano, Gatteo e Gambettola nel Rubicone. Nel comune di Rimini gli interventi prevedono 84 tralicci e circa 21 km di linee demolite, a fronte di circa 9 km di nuovo cavo interrato e due nuovi sostegni. Saranno liberati dalle vecchie infrastrutture, in particolare, le scuole elementari “Padulli” e “Rodari”. A Riccione invece, a fronte di 6,5 km di nuovo cavo interrato, saranno 40 i tralicci e circa 8,5 i chilometri di vecchie linee che verranno dismesse. 17 tralicci e 4,5 km di vecchie linee elettriche demolite invece a Santarcangelo e sei sostegni e circa 1,5 km di elettrodotto a Coriano. 22 tralicci in meno e circa 7 km liberati nel Rubicone.

Il commento dell’assessore all’ambiente e ai lavori pubblici di Riccione Lea Ermeti

Con l’assemblea pubblica del 25 febbraio alla presenza dei tecnici Terna è partito il conto alla rovescia per l’interramento degli elettrodotti presenti sul nostro territorio comunale nell’ambito dell’Anello 132 kV Rimini – Riccione. La società elettrica proprietaria degli impianti ha illustrato ai cittadini il cronoprogramma che nei prossimi mesi vedrà il progetto preliminare seguire l’iter ministeriale, per poi approdare alla fase esecutiva, alla gara e all’inizio dei lavori stimato tra la fine del 2020 e i primi mesi del 2021. Siamo soddisfatti di questo primo importante passaggio con Terna avviato attraverso la condivisione con la città e i cittadini direttamente interessati all’interramento degli elettrodotti. Ho chiesto personalmente, ad ogni fase di avanzamento dell’iter necessario, un monitoraggio che verrà affiancato da cartografie e ubicazioni dei sottoservizi di proprietà sia privata che di altri enti messi a disposizione di Terna. L’amministrazione darà la massima collaborazione tramite gli uffici preposti in modo da accelerare e vigilare affinchè siano rispettati i termini e i tempi a salvaguardia dei cittadini che da tanti anni chiedono una soluzione.

Notizie correlate
di Redazione   
Campionato Italiano Velocità

L’ELF CIV torna a Misano World Circuit

di Icaro Sport   
FOTO
di Icaro Sport   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna