martedì 19 febbraio 2019
In foto: Nicola Mussoni, capitano della Stella
di Icaro Sport   
lettura: 1 minuto 3.717 visite
dom 10 feb 2019 19:49 ~ ultimo agg. 11 feb 18:33
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 3.717
Print Friendly, PDF & Email

Capita anche nelle migliori famiglie. Così, ieri, è successo sul campo della Polisportiva Stella, sempre attenta ad insegnare ai propri ragazzi i valori sani dello sport.

Quando mancavano pochi minuti alla fine del match tra gialloblù e San Pietro in Vincoli (con gli ospiti in vantaggio 1-0 grazie alla rete di Della Pasqua) il direttore di gara, Benini di Forlì, ha mostrato il secondo giallo al capitano della squadra di casa, Nicola Mussoni, 28enne riminese. Il giocatore ha perso la testa e per tutta risposta prima ha gettato a terra il cartellino, poi gli ha sferrato un calcio all’altezza dell’anca. I compagni e lo staff sono intervenuti per evitare guai peggiori e a fatica sono riusciti a portarlo negli spogliatoi. A detta dei presenti, a far perdere la testa al capitano gialloblù sarebbero state una serie di decisioni arbitrali discutibili a sfavore dei padroni di casa. Un gesto, quello compiuto dal 28enne difensore riminese, che al netto di eventuali errori arbitrali resta assolutamente ingiustificabile.

Dopo l’aggressione, l’arbitro si è allontanato e ha sospeso l’incontro. Ora Mussoni rischia una maxi squalifica. 

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna