mercoledì 20 marzo 2019
di Icaro Sport   
lettura: 5 minuti
ven 22 feb 2019 23:54
Print Friendly, PDF & Email
5 min
Print Friendly, PDF & Email

Sfide spettacolari ed equilibrate hanno caratterizzato il 5° “Italian Challenge”, la gara internazionale di tiro con l’arco a coppie miste (competizione che da Tokyo 2020 farà parte del programma olimpico) cha ha registrato un record di cinquecento partecipanti, disputata nei padiglioni B5-D5 di RiminiFiera (linea di tiro da Guinness dei primati con ben 134 bersagli), competizione che ha fatto da gustoso antipasto ai 46esimi Campionati Italiani indoor, in programma sabato 23 e domenica 24 febbraio.

Nell’arco olimpico hanno conquistato l’oro e il premio da 2.000 euro Marco Seri e Annalisa Agamennoni, binomio del Medio Chienti, imponendosi per 6-0 nella finalissima sugli azzurri Marco Morello (Iuvenilia) e Chiara Rebagliati (Arcieri Torrevecchia), entrambi convocati per gli imminenti Europei di Samsun (le Nazionali italiani partiranno subito dopo i Tricolori di Rimini). Sul terzo gradino del podio, come già dodici mesi fa, gli altri due nazionali Massimiliano e Claudia Mandia (entrambi atleti delle Fiamme Azzurre), fratelli salernitani vincitori del Challenge nel 2017.

Nel compound si aggiudica il primo premio di 2.000 euro e la medaglia d’oro la coppia degli Arcieri delle Alpi formata da Giuseppe Seimandi e Irene Franchini, che al termine di un emozionante spareggio (con tanto di piccolo “giallo” per un errore nella sistemazione delle visuali) ha prevalso davvero di misura su Fabio Ibba (Oscar Oleggio Bellinzago) e Sara Ret (Compagnia Arcieri Cordenons). Bronzo per Elisa Roner ed Elia Frignan che hanno superato nella finalina allo shoot-off il binomio Federico Pagnoni e Marcella Tonioli, trionfatori della passata edizione.
Nell’arco nudo salgono sul gradino più alto del podio, portandosi a casa il montepremi di 1000 euro, Daniele Bellotti (Arcieri Fivizzano) e Cinzia Noziglia (Arcieri Tigullio) superando per 6-0 nella finalissima Ferruccio Berti ed Elisa Passiatore (Arcieri di Volpiano). Sul terzo gradino del podio Marco Gambino e Carla De Rinaldis.

Nel torneo secondario (su 15 frecce), al quale ha preso parte chi non è rientrato negli scontri a eliminazione diretta (migliori 16 coppie) dopo la prova di qualifica, ha ottenuto il primo posto nel ricurvo Gianpiero Sibra (Arcieri Lodigiani), seguito sul podio dal compagno di colori Ezio Borelli e dal “padrone di casa” Luca Lilla (Arco Club Riccione). Nel compound affermazione di Raffaele Gallo (Arcieri Fivizzano), con al secondo posto a pari merito Andrea Cortinovis (Arcieri di Malpaga Colleoni), Stefano Costantino (Arcieri Compagnia degli Orsi) e Adriano Zani (Prodesenzano). Nell’arco nudo vince Massimiliano Vasta (Arco Club Pontino), secondo posto per Fabio Capoferri e terzo per Cristian Trolese, entrambi portacolori degli Arcieri del Sole. In ambito femminile Elisabetta Flaminio (Arcieri Anxanon) si è aggiudicata il torneo di ricurvo, davanti a Federica Gelso (Maremmana Arcieri) e Anita Tinti (Arcieri Brigata Feltria). Nella divisione compound successo di Alice Levratti (Arcieri Solese), precedendo Maria Michela Longo (Arcieri Uras) e Carlotta Silingardi (Compagnia Arcieri del Torrazzo). Infine l’arco nudo è stato appannaggio di Lia Mollica (Arcieri Cus Cosenza), davanti a Rita La Manna (Sentiero Selvaggio) e Romana Painelli (Arcieri Tyrus).

Ora tutte le attenzioni si concentrano sulle gare che assegneranno i titoli tricolori per un’edizione da record di iscritti: complessivamente 951 arcieri in rappresentanza di 236 società provenienti da tutte le regioni (nel dettaglio: 441 nella specialità arco olimpico o ricurvo, 250 nella divisione compound e 260 nell’arco nudo).

Sabato 23 febbraio il via ai Campionati Italiani con al mattino le 60 frecce di ranking round delle divisioni arco nudo e compound valide per l’assegnazione dei titoli italiani di classe e la composizione dei tabelloni degli scontri individuali e a squadre. Stesso programma al pomeriggio per la divisione olimpica.

Domenica 24 lunga giornata di scontri diretti: ad aprire il programma le sfide fino al bronzo delle squadre, poi tutti i match individuali dagli ottavi, sempre fino alle sfide per il terzo posto. Dalle ore 14.50 circa il via alle sfide per il titolo italiano a squadre e gli scontri uno contro uno per decretare i nuovi campioni italiani assoluti delle tre divisioni.

LE STELLE AZZURRE A RIMINI – Alla Fiera di Rimini ci saranno tanti dei migliori arcieri della Nazionale. Nell’arco olimpico maschile prenderanno posto sulla linea di tiro i tre convocati per i prossimi Europei Indoor Massimiliano Mandia (Fiamme Azzurre), Michele Frangilli (Aeronautica Militare) e Marco Morello (Aeronautica Militare). A sfidarli per il Tricolore specialisti del calibro di Matteo Fissore (Malin Archery Team) e altri atleti nel giro della Nazionale come Federico Musolesi (Castenaso Archery Team), Yuri Belli (Arcieri Aquila Bianca), Matteo Canovai (Arcieri Augusta Perusia) e Luca Melotto (Aeronautica Militare) .

Concorrenza agguerrita anche al femminile con Claudia Mandia (Fiamme Azzurre), Elena Tonetta (Aeronautica Militare) e Chiara Rebagliati (Arcieri Torrevecchia), scelte per rappresentare l’Italia a Samsun, pronte a sfidare campionesse del calibro di Guendalina Sartori (Aeronautica Militare) e Pia Carmen Lionetti (Aeronautica Militare), già titolari alle Olimpiadi, e la punta di diamante del settore Para-Archery Elisabetta Mijno (Fiamme Azzurre)

Nelle classi giovanili fari puntati su chi è stato convocato per gli Europei e quindi al maschile su Alessandro Paoli (Arcieri Iuvenilia) e Matteo Santi (Arcieri Citta’ Di Terni) tra gli Junior e su Federico Fabrizzi (Arcieri Montalcino) tra gli Allievi. Al femminile le tre arciere scelte per volare in Turchia sono Aiko Rolando (Iuvenilia), Michela Boccardi (Arcieri Bresciani) e Karen Hervat (Trieste Archery Team), le prime due sono Allieve la terza è Junior.

Nel compound a catalizzare l’attenzione sarà Sergio Pagni (Arcieri Città di Pescia) reduce dalla vittoria al Vegas Shoot per la seconda volta in carriera. Il fuoriclasse mancino è stato convocato per gli Europei insieme a Valerio Della Stua (Arcieri Pol. Solese) e Fabio Ibba (Arcieri Oscar Oleggio) che dovranno guardarsi dalla concorrenza per il titolo italiano da arcieri del calibro di Elia Fregnan (Arcieri Del Torrazzo), Viviano Mior (Kosmos Rovereto), Jesse Sut (Kosmos Rovereto), Federico Pagnoni (Arcieri Montalcino), Giuseppe Seimandi (Fiamme Azzurre) e Alberto Simonelli (Fiamme Azzurre), stella che a Rimini arriva a poche settimana dall’aver messo a segno il nuovo record del mondo Para-Archery indoor sulle 60 frecce.

Puntano al titolo al femminile le convocate azzurre per Samsun Irene Franchini (Fiamme Azzurre), Sara Ret (Arcieri Cormòns) e Marcella Tonioli (Arcieri Montalcino). Anche per loro però non sarà facile riuscire a scavalcare al concorrenza di atlete del calibro di Anastasia Anastasio (Marina Militare), Viviana Spano (Marina Militare), Laura Longo (Arcieri Decumanus Maximus) e il terzetto più volte azzurro nelle competizioni Para-Archery formato da Eleonora Sarti (Fiamme Azzure), Maria Andrea Virgilio (Dyamond Archery Palermo) e Giulia Pesci (Arcieri Ardivestra).

Confermata la presenza a Rimini anche dei sei compoundisti che parteciperanno tra gli Junior agli Europei, si tratta di Alex Boggiatto (Arcieri Collegno), Antonio Brunello (Kosmos Rovereto), Valentino De Angeli (Arcieri Di Rotaio), Elisa Roner (Kosmos Rovereto), Paola Natale (Comp.arc.di Malpaga) ed Elisa Bazzichetto (Arcieri Del Torresin).

Si annuncia spettacolare anche la gara dell’arco nudo con tutte le stelle delle Nazionali Campagna e 3D in gara, alcuni tra i pretendenti al titolo sono Daniele Bellotti (Arcieri Fivizzano), Alessio Noceti (Ass. Naz. Polizia Di Stato “il Fortilizio”), Eric Esposito (Audax Brescia), Alessandro Giannini (Ass. Naz. Polizia Di Stato “il Fortilizio”), Eleonora Strobbe (Arcieri Altopiano Pinè), Cinzia Noziglia (Fiamme Oro).

I CAMPIONI USCENTI – Nel 2018, sempre a Rimini, a trionfare nell’arco olimpico maschile è stato, per la terza volta in carriera, Massimiliano Mandia. Nelle sfide al femminile primo trionfo, e da Junior, per Tatiana Andreoli. Le prime volte non si sono fermate qui, nel compound a sbaragliare la concorrenza è stato Elia Fregnan tra gli uomini mentre tra le donne il titolo è andato ad Anastasia Anastasio. Giuseppe Fonti e Giulia Mantilli hanno invece vinto nell’arco nudo ed entrambi ci riproveranno quest’anno visto che sono inseriti nella lista degli iscritti.

Tra le squadre doppio successo nel ricurvo per la Iuvenilia mentre a spartirsi le medaglie d’oro nel compound sono stati Arcieri Solese, al maschile, e Maremmana Arcieri, al femminile.

Frecce Apuane e Arcieri Romani si sono invece aggiudicati lo “Scudetto” Indoor dell’arco nudo rispettivamente tra gli uomini e tra le donne.

COME SEGUIRE LE GARE – Ampia visibilità mediatica per le frecce di Italian Challenge e Campionati Italiani Indoor di Rimini. Per i tre giorni di gare YouArco, canale ufficiale Youtube della FITARCO, trasmette in diretta streaming le competizioni con due finestre, una al mattino e una al pomeriggio. I Tricolori indoor avranno poi come vetrina Rai Sport che nei giorni successivi all’evento manderà in onda un’ampia sintesi delle finali.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna