lunedì 18 marzo 2019
di Redazione   
lettura: 1 minuto
gio 21 feb 2019 19:19
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Una risposta insufficiente che dimostra come siano confuse le idee dell’amministrazione comunale sulle attività commerciali. Così il consigliere della Lega Marzio Pecci commenta le dichiarazioni dell’assessore Sadegholvaad a corredo dei dati sulle attività commerciali riminesi aumentate di numero (seppur di poco) nel corso del 2018. “Non voler vedere la crisi imperante del commercio del centro storico – scrive Pecci – è pura miopia amministrativa e raggiro delle intelligenze dei cittadini“.

L’esponente del Carroccio punta il dito sull’amministrazione  responsabile, a suo dire, “di aver favorito, con una politica del commercio dissennata, proprio l’apertura dei centri commerciali che sono stati la prima causa della “morte” delle attività dei centri storici, unitamente al piano del traffico ed alla pessima programmazione/progettazione dei parcheggi.”

Pecci chiede a Sindaco e Giunta “di attivarsi immediatamente e di predisporre un progetto di rilancio del centro storico con la partecipazione degli operatori, delle associazioni di categoria, dei comitati, dei professionisti ed anche dell’Università perché la crisi delle attività commerciali, come abbiamo detto pochi giorni fa, è un problema che coinvolge l’intera economia provinciale ed i piani commerciali regionali della grande distribuzione“.

L’auspicio del consigliere leghista è che venga creato al più presto “un tavolo di confronto con le forze politiche e con tutti gli interessati per sollecitare gli uffici del comune a predisporre il “grande progetto” che abbia come obiettivo il ritorno dei cittadini alla frequentazione del centro storico, l’insediamento dei brand di prima fascia, di attività innovative e di tendenza, costruendo così il “salotto esclusivo” della città ove ciascuno avrà ha la gioia di trovare “in centro” ciò che non trova altrove.”

Notizie correlate
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna