domenica 21 aprile 2019
In foto: il Pd in piazza Tre Martiri
di Redazione   
lettura: 2 minuti
sab 12 gen 2019 15:25 ~ ultimo agg. 15:45
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

C’era anche quella di Rimini tra le mille piazze d’Italia scelte dal Partito Democratico per protestare contro il Governo. Una ottantina gli iscritti scesi in piazza Tre Martiri in mattinata e guidati dal segretario provinciale Filippo Sacchetti. Nel mirino la manovra finanziaria accusata di bloccare l’Italia “senza aver neanche dato – attacca Sacchetti – vergognosamente la possibilità di confrontarsi e porre emendamenti nelle sedi istituzionali come dovrebbe garantire la Costituzione”. Ce n’è anche per il Decreto Sicurezza “che renderà le cose ben più oscure e insicure, arrestando i processi di integrazione e creando sì davvero clandestinità.” Sacchetti parla poi di tagli ai comuni e alla scuola “per finanziare promesse elettorale irrealizzabili quali il reddito di cittadinanza e quota 100 e che non a caso vanno rimandandosi di settimana in settimana o quelli per la disabilità”.
Il segretario del PD accusa il Governo giallo-verde di “una sorta di schizofrenia che vede da un lato togliere i finanziamenti pubblici all’editoria e dall’altro stanziare attraverso il Mise 70.000 euro per Radio Padania, scendere in piazza gli uni contro gli altri (come sulla Tav) o dover convocare vertici notturni a cadenza quasi quotidiana su migranti, trivelle o quant’altro minacciando ogni giorno di far saltare il banco. A spese di un Paese in cui per la preoccupazione del finto cambiamento sale lo Spread, si arresta l’economia, si perdono posti di lavoro”. “Quella di questa mattina – conclude Sacchetti – è stata un’altra risposta importante, il Pd c’è e vuol rispondere alle bugie con le proposte concrete”.

Notizie correlate
di Lamberto Abbati   
VIDEO
di Lamberto Abbati   
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna