sabato 19 gennaio 2019
In foto: il Cocoricò
di Redazione   
lettura: 2 minuti 1.017 visite
gio 10 gen 2019 14:16 ~ ultimo agg. 11 gen 12:59
Print Friendly, PDF & Email
2 min 1.017
Print Friendly, PDF & Email

Per i conti correnti legati al Cocoricò di Riccione è scattato un provvedimento di sequestro preventivo legato a irregolarità tributarie riscontrate in passate gestioni. Lo annuncia il titolare della discoteca Fabrizio De Meis, che si dice pronto a far emergere la propria estraneità. I conti interessati ammontano a 810mila euro. Le contestazioni si riferiscono alla gestione sotto la società Mani Avanti negli anni 2015 e 2016. A dare esecuzione al sequestro preventivo per equivalente sono stati i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rimini.

Le Fiamme Gialle riminese hanno constatato a verbale nei confronti della società che ha gestito il locale negli anni 2015-2016 l’omessa presentazione delle prescritte dichiarazioni fiscali per i due periodi di imposta e i conseguenti omessi versamenti di imposta per il complessivo ammontare oggetto del provvedimento. A richiederlo è stato il PM che ha coordinato le attività investigative, Paolo Gengarelli, e ad emetterlo il GIP Benedetta Vitolo.

Scrive De Meis:“In data odierna ci è stato notificato un provvedimento di sequestro preventivo emesso dalla Procura della Repubblica di Rimini.
Il perimetro investigativo nel cui ambito l’Autorità Giudiziaria ha adottato la misura è molto circoscritto e riguarda alcune contestazioni di irregolarità tributarie connesse alla società Mani Avanti ed in relazione ai due esercizi 2015 e 2016, contestandomi di essere amministratore di fatto.
I legali stanno già esaminando il provvedimento per valutarne nel dettaglio il contenuto.
Sono assolutamente sereno e ripongo piena fiducia nel lavoro della Magistratura, certo che, nelle sedi opportune, saremo in grado di far emergere la mia estraneità ai fatti che vengono contestati. Resto a completa disposizione della Procura per contribuire a far chiarezza sulle vicende al vaglio degli inquirenti”.

Proprio oggi i quotidiani locali parlano del Cocoricò per la messa in vendita del marchio (insieme a quelli di Titilla e Memorabilia) a un prezzo fissato di 420mila euro. Il ricavato dell’asta, già fissata per le prossime settimane, è destinato alla copertura di vecchi debiti che permetterebbe di evitare il pignoramento dei marchi stessi.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
I numeri forniti dalla Regione

Sanità. Nel 2018 936 assunzioni in Romagna

di Redazione
La Giunta adotta il nuovo piano urbano

Mobilità sostenibile, ecco come cambia la città

di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna