domenica 21 aprile 2019
di Simona Mulazzani   
lettura: 3 minuti
ven 11 gen 2019 14:33 ~ ultimo agg. 14:39
Print Friendly, PDF & Email
3 min
Print Friendly, PDF & Email

Un bilancio preventivo che trova l’appoggio di due dei tre sindacati. Nei giorni scorsi il comune di Riccione ha presentato e condiviso le politiche economiche per il 2019 con le organizzazioni sindacali confederali di CISL e UIL. Un confronto che si è incentrato in particolare sui temi del sociale, della politica tributaria, dei servizi scolastici e ambientali.

Come per l’anno precedente i costi dei servizi a domanda individuale sono rimasti invariati. Stesso discorso sul versante della leva tributaria: non sono aumentate Imu e TASI, non è stata applicata l’addizionale Irpef, invariate anche le tariffe per la Tari.

Per semplificare e facilitare il riconoscimento delle agevolazioni alle aziende che producono rifiuti speciali, per il 2019 verranno introdotte delle modifiche al regolamento comunale, con la possibilità di riduzione del 50% della Tari alle attività commerciali situate in zone vietate al traffico a causa della presenza di lavori per la realizzazione di opere pubbliche che si protraggono per oltre 6 mesi, e la riduzione del 20% per le attività stagionali.

L’amministrazione comunale per quanto riguarda la Tari ha inoltre confermato la necessità di estendere il servizio di smaltimento rifiuti con il sistema porta a porta entro l’anno a tutta la città con l’obiettivo di raggiungere entro il 2020 il tasso del 79% di raccolta differenziata, come previsto dalla legge regionale. Parallelamente verranno messe in campo tutte le modalità necessarie per agire su decoro urbano in tema di errato conferimento dei rifiuti. Sempre sul versante delle politiche tributarie, considerati l’ottimo risultato di recupero dell’evasione fiscale nel 2018 che ha portato al recupero dell’evasione fiscale nel 2018, l’attività degli uffici comunali proseguirà con forza anche nel 2019 anche grazie alla modifica al Regolamento di Gestione Rifiuti che ha permesso di incrementare sensibilmente il recupero del pagamento della Tari. Numerose sono le richieste in questi giorni provenienti da altrettante Amministrazioni Comunali agli uffici del Comune di Riccione di copia di tale regolamento per applicarlo anche ad altre realtà.

Sono state confermate le tariffe dell’imposta di soggiorno.

Previsto un bando per le agevolazioni Tari con un fondo di 250.000 euro in modo da sostenere in maniera efficace le famiglie a basso reddito, le famiglie numerose, i portatori di handicap, anziani e disoccupati.

Per quanto riguarda il settore della pubblica istruzione nella gestione diretta dei nidi e delle scuole d’infanzia, l’amministrazione esclude, come per il 2018, il ricorso a procedure di esternalizzazione.

In un’ottica di maggiore efficienza nella gestione degli alloggi popolari e dell’emergenza abitativa con immediata riduzione del 5% dei costi di gestione, per i prossimi 10 anni sarà Geat a gestire gli immobili Erp.

In programma, come da piano triennale dei lavori pubblici, interventi di edilizia scolastica, dalle nuove costruzioni delle scuole Panoramica e Catullo all’ampliamento della scuola di via Capri.

La firma odierna dimostra chiaramente il valore della volontà da parte dell’amministrazione di dare risposte alle peculiarità del territorio a partire dalle persone più svantaggiate. La condivisione delle politiche di bilancio con le organizzazioni sindacali confederali – commenta l’assessore al bilancio Luigi Santi –  rimane un punto fermo per  lo sviluppo economico e sociale del territorio”.

Per il secondo anno consecutivo si è giunti alla firma dell’accordo con il Comune di Riccione sul bilancio preventivo – affermano Paola Taddei, segretaria Cisl Romagna, e Giuseppina Morolli, segretaria generale UIL Rimini – fatto non scontato di questi tempi.”

Siamo soddisfatte – continuano le sindacaliste – perché anche per il 2019 l’accordo col Comune di Riccione prevede la non applicazione dell’addizionale IRPEF, l’invarianza tariffaria di tutti i servizi a domanda individuale e delle aliquote di IMU e TASI.”

I sindacati hanno chiesto al Comune di intensificare anche nel 2019 lo sforzo per il recupero dell’evasione di IMU e TASI, che nel 2018 ha portato significativi risultati, sia per ragioni di equità fiscale, sia per evitare tagli ai servizi dovuti alle minori entrate. Sulla TARI (tassa sui rifiuti) CISL Romagna, UIL Rimini e il Comune di Riccione si incontreranno entro il prossimo 30 aprile per definire le caratteristiche del bando per le relative agevolazioni.

“Abbiamo ottenuto la conferma dell’impegno dell’Amministrazione di limitare le ricadute sui servizi a causa dei tagli sui trasferimenti ministeriali, regionali e provinciali attraverso l’aumento dei fondi per le situazioni di emergenza.”Sempre sul tema delle azioni sociali il Comune di Riccione si è impegnato a redigere un regolamento sulle case famiglia, un tema che è diventato una urgente necessità per la qualità di questi particolari servizi sociali offerti alla cittadinanza.

L’accordo di CISL e UIL interviene anche sull’occupazione – proseguono – infatti si prevede l’assunzione di 6 lavoratori per l’anno 2019 e altri 5 come stabilizzazioni, compatibilmente con le disponibilità economiche.”

 

Altre notizie
Il video della riattivazione

Nautofono, dopo sei anni torna l'ululato

di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Lamberto Abbati   
VIDEO
di Lamberto Abbati   
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna