Indietro
menu
Visite pericolose

Si trova le ladre in casa. Giravano con un coltello

In foto: Carabinieri
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 1 dic 2018 14:39 ~ ultimo agg. 2 dic 15:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.623
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ieri pomeriggio in un’abitazione di Pennabilli una donna 54enne, mentre si trovava nella cucina di casa intenta a pranzare con il marito, sentendo dei rumori sospetti provenire da un’altra stanza ha raggiunto il corridoio. Qui con stupore si è trovata di fronte una malvivente che si era introdotta nell’abitazione approfittando delle chiavi inserite nella porta di ingresso: vistasi scoperta, la donna è fuggita insieme ad un’altra complice che faceva da palo sul pianerottolo della casa. Sotto casa erano attese da una terza complice che attendeva vicino ad un’auto, pronta alla fuga.  La descrizione, precisa e tempestiva della padrona di casa ha permesso ai militari di Pennabilli  – diretti dal Comandante, Maresciallo Antonio Castaldo – di individuarle e bloccarle, sbarrando loro la strada con l’auto di servizio. Dalla perquisizione personale e veicolare sono stati rinvenuti, nascosti nell’abitacolo, un coltello con lama lunga 12 cm., una mazzetta, un bastone ed una torcia.

le armi

Le donne, una 22enne della provincia di Pesaro-Urbino, una 46enne della Provincia di Trento e una 18enne della provincia di Rimini, con numerosi precedenti penali anche per furto in abitazione, sono state denunciate per tentato furto in abitazione in concorso e porto di armi od oggetti atti ad offendere. Le indagini proseguono per verificare altri eventuali reati commessi in zona dalla banda.

Il Capitano Silvia Guerrini, Comandante della Compagnia, tiene ad evidenziare come “decisiva sia stata la prontezza della vittima che, dopo aver sorpreso le due ladre in casa, ha avuto la lucidità di affacciarsi alla finestra, memorizzato i loro volti e i dettagli relativi alla complice e all’auto per chiamare i Carabinieri subito”.

Notizie correlate