Indietro
sabato 30 maggio 2020
menu
Calcio C girone B

Rimini FC. La risposta di Giorgio Grassi al presidente della Lega Ghirelli

In foto: Giorgio Grassi
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
gio 20 dic 2018 16:19 ~ ultimo agg. 21 dic 18:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La risposta del presidente del Rimini FC, Giorgio Grassi, alla lettera del presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli:

“Caro Francesco, mi ha piacevolmente sorpreso la tua lettera che dimostra quanto tu tenga alla tua missione di ridare forza, visibilità e soprattutto sostenibilità alla nostra lega. Come tu hai ben detto, siamo stati martoriati da decisioni assunte sopra le nostre teste, in spregio delle regole più elementari e tuttora non riusciamo ad intravvedere soluzioni che diano ristoro a quanto patito. Rimanendo in ambito di metafore, più che una vigna da dissodare, ti stai trovando di fronte una montagna da scalare: francamente non vedo tra i colleghi volti felici e rilassati.

Per una serie di motivi che non ti sto ad elencare c’è solo frustrazione, rabbia, indignazione ed una gran voglia di indossare anche solo metaforicamente dei bei gilet gialli e far la rivoluzione.

Così non si può andare avanti, siamo vicino al collasso del sistema, ci sono già molte società che si sono iscritte in maniera truffaldina, il campionato è falsato, si registrano condizioni di palese concorrenza sleale e chi più ne ha più ne metta!

Non abbiamo neanche affrontato minimamente i grandi temi che più ci interessano, dall’insufficienza delle risorse a disposizione, all’esosità degli obblighi fiscali, dai costi della sicurezza all’accanimento dei controlli formali sulle società sane e di converso alla superficialità con cui vengono poi iscritte ai campionati società già in condizioni di inadempienza conclamata.

È già finito l’anno, ma non c’è ancora una risposta sulla richiesta di semiprofessionismo (che cosa sarà mai?), la concessione dell’apprendistato come per tutte le altre aziende commerciali, strategie di marketing per recuperare risorse supplementari, royalties sulle scommesse che si fanno sulle nostre partite.

La serie C Italiana è la categoria più bistrattata d’Europa, non c’è un solo paese dove si registrino tante criticità, fallimenti e anomalie come da noi.

Vogliamo parlarne seriamente all’interno di tutto il sistema calcio, con il governo, con il Coni o si è scelta la deriva e l’inevitabile eutanasia?

Sarò onorato di averti come ospite in occasione della prima partita casalinga del girone di ritorno per farti vedere di persona che cosa rappresenta oggi Rimini F. C. con tutte le società di riferimento, come la FYA Riccione e la Vis Misano, con tutte le scuole calcio affiliate, ti faremo vedere come siamo presenti nella città con le iniziative di socialità che abbiamo messo in cantiere, un nostro dirigente è stato addirittura nominato ministro della Solidarietà.

Il rapporto con la tifoseria è stato recuperato attraverso il dialogo e la trasparenza di tutti i nostri comportamenti, compresi quelli relativi al bilancio economico.

Tutto questo mondo che abbiamo creato con grande fatica, deve essere posto nelle condizioni di vivere e non sopravvivere, deve poter prosperare e non agonizzare, deve costituire un faro di speranza per i giovani e le famiglie e non essere costretto a elemosinare o dipendere dalla generosità dei pochi sponsors e dei mecenati rimasti.

A Babbo Natale oggi chiederemo solo che ci siano regole forti, che vengano poi rispettate e fatte rispettare e che i buoni e gli onesti non debbano per forza essere sopraffatti da predoni e avventurieri.

Un caro saluto a te e famiglia e i nostri migliori Auguri di serenità per le prossime festività.

Giorgio”

___________________________________

Questa la lettera che il presidente della Lega, Francesco Ghirelli, aveva inviato mercoledì 19 dicembre al numero uno biancorosso Giorgio Grassi:

“Caro Giorgio, seguo con interesse grande il progetto che stai realizzando a Rimini. Un lavoro che punta a migliorare l’organizzazione della società, a sviluppare un rapporto innovativo con la Città e il territorio. Mi ha raccontato Cristiana dell’incontro avuto quando è venuta a Rimini. È stata una delle sue primissime visite ai club e ne ha ricavato una spinta entusiasmante per lavorare con maggiore lena in Lega Pro. Come ti ho detto, incontrandoti la sera precedente all’ultima assemblea in Lega , a gennaio verrò anche io a Rimini e rimarrò con te per vedere/visitare/ conoscere le tue aziende e il tuo club.

La Serie C mette insieme piccolo club, club di medie dimensioni e grandi club, a chi mi chiede con preoccupazione: “È arduo governare una Lega così complessa e diversissima proprio per la natura dei club oltre che per la diversità della forza imprenditoriale? Città grandi e piccoli centri; società giovanissime e società con una storia di cento anni, non ti tremano i polsi?” rispondo in modo semplice: “No, è semplicemente affascinante governare la diversità. E proprio questo, che sembra una negatività, è invece una ricchezza se riusciamo a mettere e a far ragionare tutti i club a sistema. Un solo problema, dobbiamo avere regole certe e non deroghe. Dobbiamo semplicemente espungere le mele marce affinché le mele (tante) buone non marciscano per contatto”.

Da ieri con le normative per le iscrizioni per il campionato 2019/20, approvate in Consiglio Federale, la strada della rivoluzione, cioè del far diventare i club una azienda normale, è tracciata. E tu, caro presidente, che ti sei battuto per questo ,ora , sei più forte.
Io “ umile servitore della vigna”, in consiglio federale ho seguito quanto insieme volevamo che fosse da tanto tempo.

Caro Giorgio, leggo che tu hai percepito partecipando all’ultima assemblea che le società più piccolo/ povere avrebbero scarsa considerazione. Ne prendo atto. Ti assicuro che, almeno da parte mia, voglio che sia il contrario. Ma se tu lo percepisci vuol dire che o qualcosa va corretto e quindi sbaglio o non riesco a comunicare bene a te/ a voi presidenti cosa si fa o si voglia fare.

Ora, come tu stesso hai detto ai tuoi del Rimini calcio facciamoci gli auguri di Natale e di felice 2019 e poi dopo le feste, se ti farà piacere e lo riterrai utile, verrò a Rimini per parlare con te e i tuoi collaboratori, porterò con me alcuni dirigenti di Lega per capire esattamente quanto tu criticamente hai percepito e di conseguenza capire cosa debba, eventualmente, cambiare nel governare la Lega Pro.

Un caro saluto, Francesco

Notizie correlate
di Icaro Sport   
VIDEO
di Icaro Sport   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna