Indietro
menu
Rimini

Ricollocata la stele a ricordo dei profughi veneti

In foto: la stele ricollocata
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 2 dic 2018 10:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stata restaurata la lapide che ricorda i profughi veneti, sfollati a Rimini durante la prima guerra mondiale. La lasciarono come ricordo del loro esodo nella chiesa di Santa Maria Ausiliatrice di Rimini, ma la stele fu distrutta all’inizio degli anni Sessanta del Novecento durante i lavori di ampliamento del tempio.  Ora, grazie al Rotary Club Rimini e con il consenso dei padri salesiani, è stata ricollocata  a cento anni dal sua posa.

Ieri la cerimonia, ufficiata da Don Stefano, alla presenza del vicesindaco Gloria Lisi, del Prof. Manlio Masini, direttore di “Aiminum”, che ne ha curato il recupero, del Presidente del Rotary Club Rimini Fabio Scala e di una delegazione rotariana proveniente da Venezia.

La storia e il significato della lapide

Il marmo sigilla una pagina di storia riminese e nazionale molto dolorosa e sofferta che prende inizio con “la disfatta di Caporetto”, quando gli austroungarici sfondarono le linee italiane lungo la valle del fiume Isonzo. Alla catastrofe militare, si aggiunse quella sociale e umanitaria. Una moltitudine di popolazione veneta calò come una valanga sul litorale romagnolo e occupò tutte le ville e le casette vuote lungo la litoranea da Cesenatico a Cattolica. Il lido di Rimini fu letteralmente invaso.

A mettere ordine ai rapporti di convivenza tra residenti, proprietari delle abitazioni e profughi furono le autorità civili del comune di Venezia che si trasferirono a Rimini.

Il 7 settembre 1918 il Cardinale Pietro La Fontaine, patriarca di Venezia, venne a far visita agli sfollati. Il prelato rimase quattro giorni, durante i quali dette udienza alle delegazioni delle municipalità di tutti i comuni che accoglievano gli esuli; ispezionò 42 opere di soccorso nelle comunità di Cattolica, Riccione, Viserba, Bellaria, Cesenatico, celebrò sei funzioni religiose e pronunciò sette discorsi. A Rimini portò la sua parola e la sua benedizione all’Ospedale Civile e a quello della Croce Rossa americana presso il Sanatorio Comasco, dove erano curati anche un centinaio di profughi. Inoltre si recò a visitare istituzioni, comitati di assistenza, asili d’infanzia, scuole e laboratori per sfollati.

La lapide, da oggi nuovamente visibile, collocata nell’atrio della chiesa, certifica questa importante pagina di storia cittadina.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione