Indietro
menu
Un "flash mob" particolare

In spiaggia per un 2019 senza plastica in mare

di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 29 dic 2018 16:31 ~ ultimo agg. 17:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una mattinata in spiaggia particolare per i ragazzi degli istituti Marco Polo e Alberti di Rimini che sulla spiaggia di Rimini hanno accompagnato il Comitato Basta Plastica in mare e l’artista riminese Vittorio D’Augusta, tra i fondatori dell’associazione, in una iniziativa particolare: un grande slogan scritto sulla sabbia per chiedere un mare senza plastica. Il video è stato ripreso oggi anche dal Tg3 regionale.

Questo l’augurio di Basta Plastica in mare che accompagna il video:

“La spiaggia di una grigia mattinata invernale. I giovani di due degli istituiti più significativi per Rimini: del Turismo Marco Polo, e tecnica industriale (e di piccoli inventori) Leon Battista Alberti… tutti al loro ultimo giorno di scuola prima della vacanze di Natale. Aggiungi… un noto ma umile artista dai bianchi capelli, tra i fondatori dell’associazione Comitato Basta Plastica in Mare: Vittorio D’Augusta, 82 anni, pittore con sensibilità di poeta della natura. … Accludi volontari e supporter dell’associazione a cui il Gruppo Sole 24ore ha conferito durante Ecomondo 2018 il premio Oasis Ambiente 2018 e insieme ai quali il Ministro Sergio Costa ha fatto uno spot alla finalità data: Romagna Plastic Free / 2023. …

Metti anche (specularmente) le centinaia di eventi goderecci riminesi del Capodanno più lungo del Mondo. Aggiungi qualche decina di migliaia di persone che festeggiano l’anno nuovo mangiando e bevendo, spesso con lo street food: piatti, bicchieri, posate palloncini, striscioni e coriandoli di plastica. La plastica usa e getta in grande quantità che la disposizione UE vieta solamente dal 2021. … E infine immagina… che anche prima, progressivamente e consapevolmente, tutto ciò possa cambiare per volontà dei singoli e delle istituzioni, poiché è vero che siamo globalizzati, ma è vero anche che come ha sostenuto sempre l’ambientalismo, ciascuno nel proprio piccolo e/o grande se vuole può… soprattutto sui grandi numeri del nostro turismo. Tra individui, istituzioni, organizzazioni, corporazioni. Insieme. Al lavoro dunque, con fiducia e consapevolezza. Buona sostenibilità a tutti per un 2019 senza plastica dispersa in mare (a cominciare da chi di mare ci vive, gli allevatori di mitili)”.

Notizie correlate
di Redazione   
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini