Indietro
menu
Direttiva Bolkenstein

Bolkenstein. Croatti: auspico primo passo verso proposta di legge più articolata

In foto: Marco Croatti in aula
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 19 dic 2018 15:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sulla proroga di 15 anni per quello che riguarda la Bolkenstein e le concessioni balneari interviene anche il parlamentare del Movimento5Stelle Marco Croatti che parla di “un accordo che, nelle intenzioni del governo, è il primo passo di un percorso che affronterà in maniera risolutiva la questione. Colpevolmente ignorata dagli esecutivi precedenti. E sfociata in una situazione di grave incertezza per il settore e per tutti gli operatori. Con evidenti ripercussioni sugli investimenti e conseguentemente sulla qualità e la competitività del nostro prodotto turistico. L’obiettivo è restituire serenità ad un settore che impiega migliaia di piccole imprese a gestione soprattutto familiare. “Prendo atto – aggiunge Croatti – di questa iniziativa ministeriale e auspico un futuro percorso di approfondimento e di studio che ci porterà ad una proposta di legge più articolata e completa sul tema delle concessioni”.

Parla anche del suo impegno sul fronte delle concessioni degli ambulanti: “Da parte mia ho cercato da subito, con un approccio più condiviso e organico, di affrontare il tema della Bolkestein agli ambulanti, proponendo uno specifico documento, il DDL 811, col quale ho contribuito assieme ai colleghi della Lega a trovare una soluzione condivisa sul settore del commercio al dettaglio, ingiustamente interessato da questa direttiva. Ritengo infatti che un percorso di questo tipo possa affrontare davvero in modo risolutivo questioni complicate come quelle interessate da questa direttiva. Sui balneari è stata scelta una linea ministeriale e mi auguro che realmente sia un primo passo utile al futuro del comparto. In un settore fortemente competitivo come quello turistico abbiamo l’obbligo di rimuovere tutti quegli ostacoli che impediscano di liberare il potenziale e l’energia che il nostro territorio è in grado di esprimere”.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Redazione