martedì 18 dicembre 2018
di Simona Mulazzani   
lettura: 1 minuto
dom 11 nov 2018 18:27 ~ ultimo agg. 12 nov 19:51
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Oggi qui c’è un’altra Rimini, una Rimini importante, che vuole essere solidale, che è contro il razzismo, che è contro la guerra tra poveri, e che vuole proporre la cooperazione e il bene comune contro la politica dell’odio e del razzismo. Io credo che questa sia la risposta migliore che possiamo dare come cooperativa e come città agli atti che sono avvenuti“. Con queste parole Cristian Tamagnini, presidente della Cooperativa Sociale Cento Fiori, ha commentato l’evento partita svoltosi al campo sportivo dei Delfini al parco XXV Aprile di Rimini, che ha visto la partecipazione di circa 150 persone. Un gesto simbolicamente importante dopo il lancio di bombe carta verso l’immobile che accoglie richiedenti asilo a Spadarolo.

Una partita che, al di là del risultato – qualche gol c’è stato – ha visto accorrere amici e sostenitori sia della Cooperativa Sociale Cento Fiori, sia dei migranti bersagliati dalla bomba carta e dal altri ordigni nel Centro di Accoglienza Straordinario di Spadarolo. “Abbiamo voluto promuovere un momento di solidarietà aperto alla città – ha aggiunto Tamagnini – in risposta ad atti prodotti, al di là dei balordi che li hanno fatti, dalla cultura dell’odio e del razzismo, una cultura che individua nella crisi il capro espiatorio e la guerra tra poveri. E abbiamo visto numerose persone arrivare, sia attraverso messaggi, come la vicesindaco Gloria Lisi, sia di persona, a nome di partiti, associazioni o come singoli cittadini. A tutte le oltre 150 persone intervenute e a chi ci ha raggiunto in altro modo diciamo grazie per il vostro sostegno”.

 

Altre notizie
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna