mercoledì 18 settembre 2019
menu
In foto: le Fiamme Gialle riminesi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti Visualizzazioni 1.284 visite
mar 20 nov 2018 12:42 ~ ultimo agg. 21 nov 13:37
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.284
Print Friendly, PDF & Email

Al termine di una complessa indagine, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rimini, stanno dando esecuzione ad un provvedimento di sequestro “per equivalente” emesso dal GIP presso il Tribunale di Rimini nei confronti dei tre componenti una famiglia riminese, ritenuti responsabili di aver concesso abusivamente ad imprenditori in difficoltà economiche prestiti finanziari per diverse centinaia di migliaia di euro, applicando tassi usurari in alcuni casi fino al 120%.

Le indagini del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Rimini sono scaturite dalla denuncia di un professionista che aveva ricevuto in prestito una somma di circa 300mila euro con promessa di restituzione, in pochi anni, di denaro per 420 mila.

In particolare le attenzioni dei finanzieri riminesi si sono concentrate sulla figura di un 75enne, il quale apparentemente nullatenente e con un reddito di pensione modesto, svolgeva abitualmente l’attività di finanziamento illecito a persone ed imprese a tassi usurari, per importi di rilievo, avvalendosi del contributo sia di persone appartenenti alla propria famiglia (il figlio e la nuora), sia di soggetti terzi.

Grazie agli accertamenti bancari ed alla collaborazione di buona parte delle vittime, le Fiamme Gialle sono riuscite a far luce e ricostruire numerosi altri casi di prestiti usurari, con tassi fino al 120%, concessi dagli indagati nei confronti di altri sette imprenditori o professionisti in difficoltà, per cifre complessivamente pari a circa 900 mila euro, per le quali gli interessi richiesti ad ottenuti erano risultati superiori ai 650 mila euro.

Al termine delle indagini, il GIP presso il Tribunale di Rimini Vinicio Cantarini, condividendo le ricostruzioni investigative ed accogliendo le richieste formulate dalla locale Procura della Repubblica da parte del Sostituto Procuratore Luca Bertuzzi, ha emesso nei confronti dei tre principali indagati un provvedimento di sequestro per equivalente, pari all’illecito profitto. Il provvedimento magistratuale è in corso di esecuzione da parte dei militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Rimini.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna