martedì 15 gennaio 2019
In foto: Il Questore di Rimini Maurizio Improta
di Redazione   
lettura: 1 minuto
ven 16 nov 2018 17:42 ~ ultimo agg. 18:01
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

L’ex capo della squadra mobile di Roma Renato Cortese e il Questore di Rimini Maurizio Improta, all’epoca responsabile dell’Ufficio Immigrazione, sono stati rinviati a giudizio dal gip di Perugia per il presunto rapimento di Alma Shalabayeva.
Stesso provvedimento per il giudice di pace Stefania Lavore e per quattro poliziotti coinvolti mentre Laura Scipioni è stata prosciolta “perché il fatto non costituisce reato”. Sono stati <prosciolti anche i tre funzionari dell’ambasciata del Kazakistan per i quali è stata riconosciuta l’immunità diplomatica.

Secondo la Procura, Alma Shalabayeva e Alua Ablyazova, la moglie e la figlia del dissidente kazakho Mukhtar Ablyazov, furono arrestate illegittimamente e altrettanto illegittimamente espulse dall’Italia al Kazakhstan nel maggio del 2013 in violazione del diritto di asi. Per i funzionari di Polizia e un giudice di pace di Roma scattò l’accusa di sequestro di persona. Per Cortese e Improta – spiega l’Ansa – l’accusa di una “extraordinary rendition” dissimulata da regolare procedimento di espulsione grazie ad una ininterrotta sequenza di falsi, abusi, omissioni.

Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna