venerdì 22 febbraio 2019
di Redazione   
lettura: 2 minuti
mer 21 nov 2018 13:35
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Un progetto di legge per rilanciare il litorale romagnolo con interventi di rigenerazione e riqualificazione per renderlo sempre più competitivo. L’atto, che ha iniziato oggi in Regione il suo iter in commissione, punta a sostenere con un budget di 20 milioni in tre anni i progetti dei 14 Comuni costieri che investono sulla qualità architettonica e ambientale in un’ottica di sostenibilità.
È un progetto – spiega l’assessore regionale al turismo Andrea Corsiniche riguarda un Distretto che genera oltre 40 milioni di presenze turistiche all’anno e ha tutte le caratteristiche per essere considerato un vero e proprio distretto industriale. Per questo, attraverso un’importante iniezione di risorse che saranno erogate attraverso bandi regionali nei prossimi tre anni, metteremo in condizione i Comuni di avere strumenti e risorse per intervenire in profondi processi di rigenerazione urbana su importanti tratti balneari e con un’attenzione particolare alla sostenibilità ambientale”. I progetti dovranno promuovere la qualità architettonica e ambientale dello spazio urbano, rimuovere eventuali condizioni ed elementi di degrado, sostenere l’innalzamento e la miglior distribuzione dei servizi e delle attrezzature con particolare riferimento a quelli turistici, prevedere la riduzione degli impatti ambientali, promuovere la mobilità sostenibile e favorire lo sviluppo della vocazione turistica del Distretto anche in riferimento alla Wellness Valley.
In sede di discussione in commissione, Massimiliano Pompignoli (Lega) ha criticato la Giunta per la previsione di appena 1 milione sull’annualità 2018 parlando di “legge manifesto dal sapore preelettorale”. La relatrice Marcella Zappaterra (Pd) gli ha risposto che il progetto di legge completa il quadro di interventi normativi sul settore turistico e che il milione di euro previsto per il 2018 ha la funzione di avviare l’applicazione della norma, mentre i restanti 19 milioni entreranno nella programmazione finanziaria pluriennale della Regione. La consigliera ha concluso la risposta evidenziando come, in aggiunta al finanziamento regionale, sarà previsto un cofinanziamento da parte dei Comuni interessati, la cui quota è ancora in fase di definizione.

Andrea Bertani (M5s), riscontrato che la finalità della proposta è il sostegno finanziario a interventi di riqualificazione urbana, ha domandato per quale motivo non si sia fatto ricorso ai bandi per la rigenerazione urbana appena approvati in applicazione della nuova legge urbanistica regionale. Al consigliere pentastellato ha risposto l’assessore Corsini, precisando che, una volta approvata legge, sarà cura della Regione garantire la piena sinergia con i bandi per la rigenerazione urbana legati alla legge sull’urbanistica.

Prossima tappa dell’iter legislativo, l’udienza conoscitiva dei soggetti portatori di interessi (stakeholders) fissata per il 3 dicembre prossimo.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Redazione
di Maurizio Ceccarini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna